Assunzioni per 15 pasticcieri in Inghilterra COMMENTA  

Assunzioni per 15 pasticcieri in Inghilterra COMMENTA  

Se il vostro sogno è quello di lavorare nel settore della ristorazione all’estero allora non potete farvi sfuggire l’occasione di lavorare in Gran Bretagna.

Si stanno ricercando 15 pasticceri, che saranno assunti con un contratto a tempo indeterminato presso una catena della ristorazione. Per presentare la vostra candidatura c’è tempo fino al 31 ottobre 2016. Vediamo, ora, in sintesi di darvi delle informazioni utili su questa offerta di lavoro. L’opportunità di lavoro per pasticceri è stata pubblicata sul portale Eures di Torino, la catena di ristoranti britannici è alla ricerca di 15 giovani pasticceri. Le persone assunte dovranno essere molto appassionate del settore dolciario ed aver maturato una esperienza professionale in cucine con forni professionali.

Leggi anche: 100 assunzioni estive: settore ristorazione

Le selezioni sono rivolte a giovani che hanno conseguito il diploma di pasticcere, con un anno di esperienza in forni, panifici, pasticcerie oppure cucine professionali. I candidati dovranno avere delle spiccate doti di creatività, una notevole capacità di gestire il magazzino, le forniture e la pasticceria. È di basilare importanza la conoscenza delle regole d’igiene.

Leggi anche: 1000 giovani da avviare alle professioni digitali per Fastweb

Le persone selezionate verranno assunte con dei contratti a tempo indeterminato (da 40/45 ore settimanali). La retribuzione oraria è di 8/9 sterline l’ora (l’equivalente di 10/11 euro all’incirca). Inoltre verranno assistite in tutte le fasi del trasferimento in Gran Bretagna.

Per candidarsi a questa offerta di lavoro bisogna inviare entro il 31 ottobre 2016 il proprio cv e una lettera di presentazione in inglese al seguente indirizzo di posta elettronica: yfej.to@cittametropolitana.torino.it.

Leggi anche

opec
Economia

Ecco cosa dice il nuovo accordo dell’OPEC

Dopo 8 anni l’OPEC ha trovato un accordo per la riduzione della produzione di petrolio: circa 1,2 mln di barili in meno al giorno. Coinvolta anche Mosca. L’OPEC, l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, ha appena siglato un nuovo accordo quadro. E’ la prima volta che accade una cosa del genere da otto anni a questa parte ed è un risultato arrivato al termine di una trattativa molto complessa, che vedeva contrapposti i tre principali produttori mondiali, Arabia Saudita, Iraq e Iran. In più, il nuovo accordo ha coinvolto anche Paesi che dell’OPEC non fanno parte, come la Russia. L’effetto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*