Attacca i ladri che entrano in casa ma viene preso a bastonate: bacino e zampe fratturate
Attacca i ladri che entrano in casa ma viene preso a bastonate: bacino e zampe fratturate
Cronaca

Attacca i ladri che entrano in casa ma viene preso a bastonate: bacino e zampe fratturate

attacca ladri

Attacca i ladri che entrano in casa ma poi viene preso a bastonate. Un cane per difendere la sua casa e la sua famiglia ora rischia di non camminare più.

Attacca i ladri che entrano in casa dei suoi padroni ma poi viene preso a bastonate. E’ la vicenda di un cane che per difendere la sua casa e la sua famiglia ora rischia di non camminare più. Tutto accade a Ladispoli quando domenica 15 ottobre un gruppo di ladri decide di irrompere in una casa del comune in provincia di Roma. Purtroppo i malviventi, avendo preso coscienza della presenza di un cane nell’abitazione, hanno deciso comunque di continuare con il loro piano malefico. Il cagnolino ha tentato di allontanarli abbaiando e mordendo ma i ladri hanno optato per prenderlo a bastonate.

La vicenda

Attacca i ladri che vogliono rubare a casa dei suoi padroni ma poi viene colpito duramente. Il povero meticcio al momento è in gravi condizioni presso una clinica veterinaria. Il cagnolino voleva soltanto proteggere la sua casa e la sua famiglia, ma purtroppo è stato preso a bastonate.

Domenica a Ladispoli, comune che dista circa 60km da Roma, si è consumato un fatto terribile. Un gruppo di ladri sono entrati in una casa ma un meticcio ha subito attaccato i malviventi nel tentativo di mandarli via. Abbaiare e mordere però non è servito a molto. Il povero cagnolino ha ricevuto delle forti bastonate che lo hanno tramortito a terra. Quando i padroni sono rientrati a casa hanno visto la terribile scena del proprio cane steso a terra dolorante. I malviventi lo hanno colpito così forte da fratturargli il bacino e le zampe. Il piccolo, in preda ai lamenti, è stato portato immediatamente in una clinica veterinaria dove ora risiede in gravi condizioni. Non si sa ancora se il cucciolo si riprenderà o se sarà destinato a non camminare più. Purtroppo le condizioni attuali sono piuttosto gravi, ma attendiamo con ansia nuovi aggionamenti per scoprire le sorti del meticcio coraggioso.

Protezione animali

La notizia è stata annunciata su Facebook da parte di un gruppo di animalisti che hanno denunciato l’accaduto.

E’ triste pensare che esistano ancora persone capaci di fare del male agli animali. Purtroppo è la verità ma ognuno di noi può fare qualcosa per arginare il problema, almeno per quanto sia possibile. E’ utile sapere che chiunque maltratti gli animali in una qualsiasi forma può essere denunciato e condannato per le sue azioni. Ogni persona che vede o viene a conoscenza di un fatto legato al maltrattamento di qualsiasi animale ha il diritto e il dovere di denunciarlo alle forze dell’ordine. In questi casi si possono contattare sia i Carabinieri che i Commissariati P.S, piuttosto che la Polizia municipale o direttamente la Procura. Sono molti i mezzi a disposizione per chiunque voglia denunciare un maltrattamento.

Guardie zoofile

Fortunatamente in Italia è presente l’organizzazione delle Guardie Zoofile ENPA. Loro sono stati i primi a esercitare l’attività di prevenzione e repressione delle infrazioni fin dal 1913. Le Guardie Zoofile rappresentano un punto di riferimento per tutti i cittadini che sono a conoscenza di qualsiasi tipo di maltrattamento su qualsiasi tipo di animale.

La competenza delle Guardie Zoofile infatti è estesa a tutte le leggi che riguardano la caccia, la pesca, maltrattamenti vari, importazione di animali esotici, macelli e qualunque altro settore nel quale vige la presenza di animali. La sede centrale si trova a Roma ma l’Ente Nazionale Protezione Animali è anche dislocato lungo tutta la penisola italiana.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche