Attentato a Milano, troppi buchi nelle misure di sicurezza COMMENTA  

Attentato a Milano, troppi buchi nelle misure di sicurezza COMMENTA  

Attentato Milano tutti ormai dopo i fatti accaduti a Milano si chiedono come sia potuto succedere. Infatti sembra veramente impossibile come un uomo nel pieno centro di Milano entra nel Palazzo di Giustizia con un arma e poi la riesce ad usare nel suo interno. Infatti sono moltissime le domande: I Sistemi di Sicurezza? I Sorveglianti? I Metal D.? Ovviamente a queste domande c’è una sola risposta ovvero ci sono troppe falle nel sistema.

Leggi anche: ULTIM’ORA Cagliari. Schianto fra due auto. 21enne perde la vita


Milano: sembra davvero impossibile che al giorno d’oggi i metal detector non funzionano. Ma la verità e che gli ingressi al palazzo di Giustizia sono quattro, ma solo tre sono muniti di metal detector con l’apparecchiatura per passare le borse ai raggi X. Nel Palazzo di Giustizia ogni giorno entrano almeno cinquemila persone. A quanto pare Giardiello il Killer della strage, è entrato proprio dall’unica porta dove non era presente il metal detector.

Leggi anche: La danza del Papa: video virus su WhatsApp


Milano Strage: gli addetti ai lavori sono molto preoccupati in quanto non si sentono più sicuri. Il Killer Giardiello è entrato dalla porta che era riservata agli addetti ai lavori, quindi il controllo di tesserini e badge di avvocati e magistrati non è stato eseguito correttamente.

Secondo alcuni pare che il traffico da quella porta è abbastanza intenso, forse proprio per questo il Killer l’ha scelta per entrare. Infatti dagli altri ingressi non poteva entrare in quanto sono ingressi presidiati con grandissima scrupolosità.

L'articolo prosegue subito dopo

Il fattore che ha favorito il Killer è quello che una volta entrati all’interno del palazzo di giustizia ci si può muovere in piena autonomia. Secondo alcuni pare anche che siano pochi coloro che presidiano le quattro entrate del Palazzo di Giustizia, infatti pare proprio che ci siano solo sedici uomini della vigilanza, di cui alcuni sono armati ed altri no. All’interno del palazzo a presidiare le aree ci sono i carabinieri ma ovviamente non possono seguire tutti i movimenti delle persone che sono all’interno del Palazzo di Giustizia.

Leggi anche

messaggio_ricevuto
News

3 Dicembre 1992: 23 anni fa il primo sms della storia

Oggi si celebra il 23° “compleanno” degli sms. Infatti 23 anni fa, il 3 Dicembre 1992, veniva inviato il 1° messaggio della storia: “Merry Chrismas”, un auguro per il Natale ormai non troppo lontano. Lo spediva ad un collega un ingegnere inglese di nome Neil Papworth, che lavorava alla Vodafone. Ma non era ancora possibile inviarlo da un telefonino all’altro, così Papworth dovette usare il proprio personal computer. Si dovette attendere ancora un anno per fare altrimenti: lo fece un ragazzo finlandese, Riku Pihkonen, che era impegnato in uno stage alla Nokia. Il successo mondiale degli sms, in particolare tra gli adolescenti, si ebbe Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*