Attentato alla metro di Minsk: eseguita pena capitale per i due condannati

Esteri

Attentato alla metro di Minsk: eseguita pena capitale per i due condannati

Minsk. Sono stati giustiziati lo scorso 16 marzo Vladislav Kovalev e Dmitri Konovalov, i due uomini, ritenuti responsabili e condannati a morte per la strage della metro di Minsk, che l’11 aprile 2011 costò la vita a quindici persone.

Benché sia trascorso quasi un anno dal tragico evento, i moventi non ne sono ancora stati chiariti, tant’è che i critici del dittatore Alexander Lukashenko hanno ipotizzato una macchinazione, ordita dal regime per giustificare la forte repressione contro ogni forma di dissidenza.

La sentenza è stata applicata nonostante i numerosi appelli giunti da tutto il mondo, come quello di Catherine Ashton, Alto rappresentante dell’Ue per la politica estera e come quello dell’arcivescovo di Minsk-Mahileu, mons. Tadeusz Kondrusiewicz, che aveva chiesto alle autorità di commutare la pena capitale in ergastolo.

La Bielorussia è l’unico Paese europeo ad applicare la pena di morte.

Marika Nesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche