Attentato scuola di Brindisi: ergastolo per Vantaggiato COMMENTA  

Attentato scuola di Brindisi: ergastolo per Vantaggiato COMMENTA  

“Fu un atto terroristico”: questo è il verdetto che emerge dalla sentenza pronunciata dai giudici della Corte d’Assise di Brindisi al processo per l’attentato alla scuola “Morvillo Falcone” in cui perse la vita la studentessa sedicenne Melissa Bassi. Il killer Giovanni Vantaggiato è stato riconosciuto colpevole di strage con finalità terroristica. Durante l’attentato davanti alla scuola rimasero ferite altre nove persone, tra passanti e studenti. La mamma di Melissa, la ragazza uccisa, ha dichiarato: “Abbiamo avuto un po’ di giustizia, ma niente ci restituirà nostra figlia. Al momento della sentenza, il primo pensiero è stato per lei”.


Al killer è stata riconosciuta anche l’aggravante di voler destabilizzare il Paese con un gesto così grave, e questo consentirà alle vittime che sono sopravvissute di accedere al fondo per le vittime del terrorismo.

Secondo il procuratore Motta c’era la chiara volontà di uccidere e di compiere una strage, quindi anche in secondo grado il percorso della giustizia sarà agevole.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*