Aumentano le entrate, ma l'Italia è prima in Europa per evasione fiscale - Notizie.it

Aumentano le entrate, ma l’Italia è prima in Europa per evasione fiscale

Economia

Aumentano le entrate, ma l’Italia è prima in Europa per evasione fiscale

Una pattuglia della Finanza
Una pattuglia della Finanza

Aumentano le entrate tributarie nel 2011. A comunicarlo è il Ministero dell’Economia, precisando che la crescita è dell’1,2 sull’anno precedente. Il gettito totale è stato pari a 411,79 miliardi di euro (+4,823 miliardi rispetto all’anno precedente). Da notare che l’andamento delle entrate nella seconda parte dell’anno, è stata sensibilmente influenzata dal peggioramento del quadro congiunturale dell’economia italiana, solo in parte compensato dagli effetti delle misure delle manovre correttive di finanza pubblica varate a partire dall’estate. Il risultato è dovuto soprattutto ad un aumento del 2,3% delle imposte indirette (+ 4.413 miliardi), mentre le imposte dirette hanno avuto un andamento simile a quello del 2010.
Adesso passiamo alle note dolenti: uno studio presentato al parlamento europeo da Tax Research London, l’Italia ha un record poco lusinghiero, risultando prima in Europa per evasione fiscale. L’ammontare complessivo delle tasse evase non ha paragoni nel resto del continente: 180 miliardi di euro, su un totale nei 27, sommata all’elusione, che ammonta a circa mille miliardi di euro ogni anno.

Qualora tale importo fosse completamente recuperato, consentirebbe di ripagare tutto il debito pubblico dell’unione nell’arco di nove anni. Dietro il nostro paese, si piazzano Germania, Francia, Spagna e Gran Bretagna. L’evasione tedesca ammonta a 158 miliardi (il 16% del totale delle entrate fiscali). Al terzo posto la Francia, dove il mancato gettito è di circa 120 miliardi, poi Spagna con un’evasione di 72,7 miliardi e la Gran Bretagna con 74 miliardi di euro. Sono in molti in Italia, i contribuenti onesti, a sperare di perdere presto questo triste primato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche