Auto economiche più attese nel 2017

Auto economiche più attese nel 2017

Motori

Auto economiche più attese nel 2017

Auto economiche più attese nel 2017
Auto economiche più attese nel 2017

Tra crossover, SUV e utilitarie agili e scattanti, il 2017 si presenta all’insegna della sicurezza alla guida e dei sistemi di infotainment avanzati.

Grande attesa per le auto più convenienti e innovative di quest’anno, in un ventaglio di proposte che va dai crossover di alta gamma fino alle utilitarie più piccole. Le tendenze per il 2017 sono chiare: in un mondo in cui sempre più si parla di guida semiautonoma, grande attenzione per i sistemi di sicurezza e per l’assistenza alla guida, con sensori ad alte prestazioni e funzionalità avanzate come il blocco del cambio di corsia involontario. E poi naturalmente c’è la questione carburante, con tanti nomi molto familiari che si preparano a sbarcare nel sempre più promettente mercato delle ibride. Vediamo i nomi più interessanti di questa rassegna, che debutteranno durante il corso di quest’anno in varie versioni.

Alfa Romeo Stelvio

Lo Stelvio è il suv di Alfa Romeo, un’auto di cui si parla da un lontano Salone di Ginevra (per la precisione era il 2013) e che ha faticato non poco prima di trovare la sua definitiva strada verso la produzione.

Si tratterà di un crossover di lusso, con prezzi di listino non proprio per tutte le tasche (ma il modello entry level dovrebbe comunque essere più economico di BMW X3 o di Audi Q5, dirette concorrenti) ma con prestazioni notevolissime, come da tradizione Alfa. Le due versioni avranno rispettivamente un motore turbo a benzina da 280 cavalli con cambio automatico a 8 marce e un turbodiesel da 2.200 cc e 210 cavalli.

BMW X2

Con il 2017 arriverà anche un altro SUV, l’X2 firmato BMW: un crossover più piccolo ed economico del popolare X3, e che nei fatti si pone come versione sportiva dell’X1. Trazione anteriore (ma con possibilità di scegliere la trazione integrale xDrive), un design più aggressivo e accattivante e motori a quattro cilindri, in versione benzina e diesel, tutti turbo (136 cavalli per il modello a benzina, 150, 190 e 231 cavalli per i diesel). Il prezzo? Da listino, partirà da 38.000 euro.

Dacia Duster

Per chi vuole un SUV ma senza spendere troppo, ormai da anni la Dacia Duster è una delle alternative più gettonate: economica ma affidabile, si presenta rinnovata con il restyling 2017.

La grande novità sarà il modello EDC, con tanto di cambio automatico, un optional che finora il noto brand low-cost non aveva ancora offerto. Più che di un restyling vero e proprio, si parla di un aggiornamento tecnico, per un SUV che ha saputo farsi apprezzare per la sua versatilità. Il tutto con un motore diesel da 1.5 litri e 110 cavalli e coppia da tenere d’occhio per affrontare le pendenze anche più impegnative.

Ford Fiesta

Settima generazione della compatta Ford per eccellenza: la Ford Fiesta si prepara a esordire nel 2017 con quattro versioni diverse, ovvero Ford Fiesta Titanium, Ford Fiesta ST Line, Ford Fiesta Vignale e Ford Fiesta Active. L’accento è posto soprattutto sulle innovazioni tecnologiche, che in effetti sono importanti per un veicolo di questa fascia: in particolare c’è attesa per l’impianto di infotainment Ford Sync 3, con schermi da 4.2, 6.5 o 8 pollici e perfino il supporto per i comandi vocali.

Il sistema dei sensori è così all’avanguardia che è in grado di rinoscere perfino i pedoni di notte e frenare da solo durante una manovra, per evitare anche le micro-collisioni. E per la musica, c’è un impianto B&O Play di tutto rispetto.

Mercedes Classe X

Bisognerà aspettare almeno la fine del 2017 per il Mercedes Classe X, il pick-up versione premium della casa tedesca. Di sicuro l’eleganza delle linee Mercedes con un mezzo tradizionalmente “da lavoro” con il pick up formano un mix davvero particolare, ma è certo che in questo modo anche il fuoristrada off-road potrà vantare grandi prestazioni, motore V6 diesel e trazione integrale permanente per reagire al meglio anche sui terreni più difficili. Un’auto di lusso che non ha paura di sporcarsi, nelle varianti Stylish Explorer (un nome che è già tutto un programma) e Powerful Adventurer.

Nissan Micra

Si potrà scegliere tra motore turbo o aspirato per la quinta generazione della più amata delle Nissan, la Micra, con un prezzo che va dai 12.600 della versione base ai 17.700 della Tekna, con tanto di sistema per il riconoscimento dei pedoni.

Come nel caso della Fiesta, anche la Micra per questo suo restyling ha puntato soprattutto sulla sicurezza e sull’assistenza alla guida, anche grazie alla frenata automatica d’emergenza e il sistema per evitare il salto non volontario della corsia. La Tekna, in più, vanta anche un sistema audio Bose e gli altorparlanti si trovano nel poggiatesta del guidatore, per un suono davvero “immersivo”.

Renault Alpine

Un autentico mito degli anni ’60 pronto a tornare sulla strada: è la Renault Alpine, modello A110, per un coupè leggerissimo e bello sportivo, con motore turbo (quattro cilindri, 1.8 litri e 252 cavalli) e cambio automatico doppia frizione a 7 marce, il tutto modificato per comportarsi al meglio con la nuova Alpine. Grande attenzione all’aerodinamica e una velocità su strada che arriva ai 250 km/h. Anche in questo caso bisognerà aspettare fino a fine 2017, e solo per la versione Premiere Edition: le altre arriveranno dal 2018.

Suzuki Swift

Aprile 2017 è il mese del debutto della nuova Swift di Suzuki.

A cambiare è soprattutto l’architettura: grazie alla tecnologia Heartect, ora la piccola di casa Suzuki è ancora più “swift”, agile, pesando solo 840 chilogrammi, ma con un bagagliaio più grande e soprattutto tanta sicurezza in più grazie ai dispositivi per la guida assistita, come il mantenimento di corsia, il Forward Detection System o il cruise control adattivo. È disponibile anche il modello con cambio automatico a sei marce, e ci sarà anche la micro-ibrida Shvs.

Volkswagen Polo

Una delle auto più vincenti degli ultimi decenni, la Polo, debutterà nella seconda metà del 2017 con la sua nuove versione. Secondo le indiscrezioni ci sarà più spazio nell’abitacolo e la possibilità di una versione ibrida, con un aggiornamento, anche in questo caso, che punterà molto sulle tecnologie di sicurezza e di assistenza alla guida. Anche gli interni, come la sorella maggiore Golf, verranno più curati, e c’è grande attesa per la crossover che verrà derivata dal mezzo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche