Auto pirata uccide turista italiana a Los Angeles COMMENTA  

Auto pirata uccide turista italiana a Los Angeles COMMENTA  

Si chiamava Alice Gruppioni la vittima del tragico incidente avvenuto nella tarda mattinata di oggi a Los Angeles Beach. Dalle prime ricostruzioni un’auto è uscita di strada, travolgendo e ferendo 11 persone. La L.A.P.D. (la polizia di Los Angeles) ha arrestato una persona sospettata di avere investito il gruppo di pedoni. Nathan Campbell, 35 anni, il proprietario della Dodge Averger (la macchina che ha ucciso Alice) è stato arrestato. La cauzione fissata per l’uomo – secondo il L.A. Time – ammonterebbe a 1 milione di dollari. La donna investita si trovava in viaggio di nozze con il marito Cristian Casidei, di Cesena. Dopo essersi sposati il 20 luglio scorso, erano partiti per la luna di miele negli Usa e da due giorni erano arrivati in California. Campbell dopo avere investito il gruppo di persone è fuggito senza prestare soccorso, da qui il suo arresto.


 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*