Auto-trolling, è la prima condanna al mondo COMMENTA  

Auto-trolling, è la prima condanna al mondo COMMENTA  

autotrolling

Ha utilizzato Facebook per inviare a se stessa messaggi poco piacevoli e offensivi a firma di alcuni parenti, gli stessi che poi ha denunciato. Questo comportamento, denominato auto trolling, non ha convinto le autorità della cittadina britannica di Cornwall, che sono riuscite a risalire all’autrice dei post offensivi, anche a sfondo sessuale, scritti utilizzando profili altrui. In particolare la donna, il cui nome è Michelle Chapman, aveva un disegno criminoso da attuare nei confronti del padre e della matrigna, con i quali non ha mai avuto buoni rapporti.

Leggi anche: Assalto al caveau con la ruspa: bottino milionario a Catanzaro


I giudici hanno accusato di calunnia la donna condannandola a venti mesi. Michelle, però, secondo quanto riferito dal marito e dall’avvocato, soffre di problemi mentali e il giudice nell’applicazione della pena ha dovuto tenerne conto. Si tratta della prima condanna per auto-trolling che si sia verificata nel mondo.

Leggi anche: Jennifer: la ragazza uccisa a coltellate dall’ex a Pescara


 

 

Leggi anche

supvenezia
News

Venezia: surf dal Ponte degli Scalzi per un giapponese. Rischia denuncia

Uno “stravagante personaggio” è stato visto dalla folla tuffarsi dal Ponte degli Scalzi a Venezia domenica 4 dicembre: un giapponese in muta da sub "armato" di pagaia e di una tavola da surf per fare Sup - acronimo dello sport Stand Up Paddle - proprio nel Canal Grande. Il turista ha anche deciso di farsi filmare dagli amici mentre compiva la sua “audace impresa”. L’uomo ora rischia una multa e una denuncia con l’accusa di “attentato alla navigazione” di placide gondole e vaporetti tipici veneziani. Per quanto bizzarro, il gesto del viaggiatore non è insolito in città negli ultimi tempi: pochi giorni fa, dopo qualche mese di coma, Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*