Autocontrollo della CO2 in Franciacorta COMMENTA  

Autocontrollo della CO2 in Franciacorta COMMENTA  

La zona del Franciacorta Docg ha adottato un sistema che permetterà il calcolo e il conseguente controllo dell’emissine di anidide carbonica nell’aria; questa decisione presa dal Consorzio Franciacorta  non ha precedenti fra le regioni viticole italiane e consentirà di tenere sotto controllo e quantificare la produzione di CO2 lungo tutto il processo produttivo del celebre vino spumante ottenuto con il metodo classico.
Il sistema di calcolo si basa sul metodo Ita.Ca©, derivante dalla precedente formula IWCC (International Wine Carbon Calculator), che è stata prima revisionata da SATA (Studio Agronomico) e WFA (Winemakers’ Federation of Australia), a sua volta in contatto con organismi analoghi di Sudafrica, Nuova Zelanda e California, e quindi adattata alla realtà italiana; il sistema analizza tutte le emissioni di gas a effetto serra (GHG) dovute alle varie fasi della produzione del vino, suddividendole per tipo di attività: in campo, in cantina e nella rappresentanza.

Leggi anche: California adotta la linea dura meno emissioni del 10% entro il 2020

Leggi anche

Style

Transgender famosi e poco conosciuti

Il termine "transgender" è molto di moda oggi: quale significato, persone classificabili, lista dei più famosi e conosciuti al mondo, nomi non popolari Il termine transgender è diventato di grande moda, spesso se ne sente parlare ma, in effetti, nessuno ha ben chiare le idee dato che anche nella lingua italiana sono differenti i significati del termine a seconda del contesto in cui si utilizza la parola. Per quanto concerne la sua origine etimologica, è da ricondursi al movimento LGBT, nato negli USA intorno ai primi anni ‘80, per indicare un movimento di stampo politico che avversa la logica eterosessista Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*