Autoerotismo: masturbarsi in pubblico non è più reato COMMENTA  

Autoerotismo: masturbarsi in pubblico non è più reato COMMENTA  

Grazie alla depenalizzazione di alcuni reati, praticare atti osceni in luogo pubblico non è più reato. Graziato un settantenne di Catania.

Pietro L, settantenne catanese, il 14 maggio 2015 era stato condannato dalla Corte d’Appello di Catania a tre mesi di reclusione per avere “estratto il proprio membro” e praticato “l’autoerotismodavanti alle studentesse che si trovavano presso la cittadella universitaria di Catania. A nullaerano serviti i suoi tentativi di giustificarsi affermando che si trattava di un fatto «occasionale», e che non era stato notato da nessuno «per la ridotta visibilità del tramonto».

Leggi anche: Udine: madre picchia brutalmente sua figlia perché non porta il velo


Ma ci ha pensato lo Stato a salvarlo. Grazie alla depenalizzazione di alcuni reati introdotta dal dlgs n.8 del 2015, il praticare atti osceni in pubblico non è più punibile penalmente, a meno che non siano commessi in luoghi frequentati da minori. La Cassazione, ha semplicemente provveduto ad applicare la riforma annullando la precedente condanna, «perchè il fatto non è previsto dalla legge come reato».

Leggi anche: 3 Dicembre 1992: 23 anni fa il primo sms della storia


Secondo la nuova legge, all’uomo sarà inflitta una multa amministrativa che, a seconda della decisione del Prefetto di Catania, sarà di entità compresa tra i cinquemila e i trentamila euro. Adesso con la depenalizzazione probabilmente si apriranno scenari pericolosamente inquietanti.


 

 

Leggi anche

SQUIRTING.
News

Squirting: cos’è e in cosa consiste

Che cos'è lo Squirting? Qual è il modo migliore per praticarlo e in cosa consiste? Scopriamo insieme tutti i segreti dello Squirting. "Squrting" è una parola inglese che identifica l'eiaculazione femminile, cioè la fuoriuscita di una grossa quantità di liquido dai condotti intorno all'uretra durante l'arrivo dell'orgasmo. Il fenomeno è ancora molto studiato e ricercato poichè gira intorno alla possibilità dell'esistenza del Punto G a cui ancora moltissimi medici non sanno dare spiegazione. Il liquido che viene espulso appare a "getto" poichè esce attraverso le contrazioni muscolari involontarie, tipiche degli organi genitali femminili. Secondo gli studi fatti sul corpo femminile Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*