Autoerotismo online, memoria in pericolo

Attualità

Autoerotismo online, memoria in pericolo

Praticare autoerotismo guardando immagini sessuali online può compromettere la memoria a breve termine. Ad essere inficiate sarebbero, per la precisione, la capacità di ragionamento, di immagazzinare informazioni utili, di elaborare soluzioni ai problemi. Lo ha stabilito una ricerca condotta dall’Università di Duisburg in Germania, esaminando un campione di 28 uomini di circa ventisei anni. Ad alcuni di essi è stato chiesto di guadare immagini a sfondo sessuale al pc, ad altri invece no.

Dopo averli sottoposti ad una serie di domande, i ricercatori hanno rilevato che gli uomini che avevano guardato immagini hard fornivano un maggior numero di risposte sbagliate.

L’eccitazione sessuale, che spinge gli uomini all’autoerotismo, interferisce sulla memoria a breve termine, creando disturbi a livello cognitivo. Il risultato chiarisce perché le persone che hanno una dipendenza dalla pornografia diventano inaffidabili e negligenti, poco attenti nelle relazioni affettive e professionali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...