Autosvezzamento: ricette ideali

Infanzia

Autosvezzamento: ricette ideali

Liofilizzati, omogeneizzati, creme di riso: vogliamo il meglio per i nostri bebè, ma se invece delle regole ritenute canoniche provassimo l’autosvezzamento?

Le regole alimentari a cui siamo abituati per lo svezzamento dei nostri bambini stanno cambiando, o meglio stanno tornando allo stadio precedente all’introduzione di cibi omologati di produzione industriale: la pediatria moderna riprende in considerazione l’introduzione dei cibi solidi per i piccoli, il cosiddetto autosvezzamento, o alimentazione complementare al latte materno (o a quello artificiale per chi non ha potuto o voluto allattare al seno), senza distinguerla negli ingredienti e nelle modalità di preparazione da ciò che cuciniamo per il resto della famiglia.

Basta che i bambini siano in grado di stare seduti ben dritti sul seggiolone e abbiano acquisito la capacità di deglutire per proporre loro quello che mangiamo noi, anche gli alimenti da tempo considerati allergizzanti, come le uova, il pesce, i pomodori, alcuni frutti come le fragole (se di stagione) e i legumi.

Se sminuzziamo con cura i pranzetti a loro destinati, i piccoli saranno in grado di “masticarli” anche senza aver ancora messo i denti. Gli unici veri accorgimenti da usare riguardano miele, zucchero, sale e quantità di proteine:

  • Meglio non introdurre il miele fino al primo anno di vita compiuto, perché può contenere delle spore pericolose per i bambini.
  • Lo zucchero abituerebbe troppo i piccoli al gusto dolce, spingendoli a rifiutare progressivamente l’amaro, l’acido o il piccante.
  • Il sale in eccesso non fa bene, neanche agli adulti: approfittiamo dello svezzamento per ridurne la quantità da usare per tutta la famiglia.
  • Troppe proteine della carne non sono salutari per i piccoli: meglio variare nell’arco della settimana, sostituendole con quelle di pesci, formaggi, legumi e uova, tenendo presente che non per forza vanno fatte consumare le proteine ai nostri figli ad ogni pasto.

Abbiamo trovato qualche ricetta che potrete preparare facilmente e con ingredienti gustosi:

  • CREMA DI CARNE (OMOGENEIZZATO) – Ingredienti per 3-4 vasetti
  • 150 g circa di fesa di tacchino, 1 patata, 1 carota, 1 mela, foglie di alloro, rametto di timo, semi di finocchio.

Cominciate da verdura e frutta, pelando la patata, raschiando la carota e sbucciando la mela. Poi mettete sul fuoco una pentola con il cestello per la cottura a vapore, aggiungendo all’acqua che bollirà sotto una foglia di alloro e un cucchiaino di semi di finocchio. Mettete la mela, la patata e la carota nel cestello e lasciate che il vapore le cuocia per circa 20 minuti, poi avvolgete la carne nella pellicola d’alluminio insieme ad un rametto di timo ed un’altra foglia di alloro e aggiungere il pacchettino al cestello, considerando che dovrà cuocere per circa 10-12 minuti. Trascorso il tempo di cottura, frullate la carne senza le erbe in un mixer, aggiungendo la verdure e la mela e un mestolino d’acqua che avete usato per far formare il vapore, trasformando il tutto in crema.

  • PANINI ALL’INGLESE (dai 9 mesi in su) – Ingredienti per 10 pezzi circa
  • 150 g di farina 00, 100 g di farina integrale (o farro), 50 g di fecola di patate, 1 bustina di lievito, 50 ml d’olio di semi di mais, 80 ml di succo di mela, 2 cucchiai di yogurt al naturale, 40 ml di latte di riso, 1 spicchio di mela grattugiata, uno spicchio di pera grattugiata, 1 manciata di uvetta sultanina, tuorlo d’uovo per spennellare.

Mescolare le due farine e aggiungere il lievito, poi versare l’olio nelle polveri e impastare con le dita per ottenere un impasto sabbioso; addizionate il succo di mela e lo yogurt e mescolate bene, poi amalgamate la frutta grattugiata e le uvette. Rendete l’impasto morbido aggiungendo a poco a poco il latte di riso, per ottenere un risultato compatto e morbido, non molto appiccicoso.

Accendete il forno e impostate la temperatura sui 175°, intanto stendete l’impasto sulla carta da forno e ricavatene dei panini, aiutandovi con degli stampini, se volete dar loro delle forme particolari e simpatiche. Spennelatene la superficie con tuorlo d’uovo sbattuto ed infornate a forno già caldo per 15-20 minuti, finchè non saranno ben dorati.

  • COUS COUS ALLA VERDURA (dosi per una pappa)
  • 25 g di cous cous, 8 piselli, 1 zucchina, 5 g di pesto alla genovese (basilico, olio e aglio), brodo vegetale q.b.

Preparare il cous cous come da abitudine, seguendo le istruzioni sulla confezione, intanto affettare la zucchina e stufarla in una padella antiaderente con il brodo. Aggiungere i piselli e cuocere coperto per 15 minuti, aggiungendo altro brodo se necessario. Scolare e sgranare il cous cous ed aggiungere le verdure ed il pesto, condire con un filo d’olio.

  • VELLUTATA DI ZUCCA CON CROSTINI (dosi per una pappa)
  • Un pezzetto di zucca, 5 g di latte di proseguimento, 30 g di patata, un cucchiaino d’olio extravergine d’oliva, un cucchiaino di parmigiano o grana grattugiato, crostini di pane.

Sbucciare la patata e il pezzo di zucca e lessarle per 30 minuti circa in acqua salata, poi passarle con il passaverdura e rimettere sul fuoco la purea ottenuta con un pochino d’acqua. Passati un paio di minuti, unire il latte che avrete scaldato a parte, mescolare con cura e spegnere il fornello. Servire aggiungendo un filo d’olio, il formaggio grattugiato e i crostini, preparati tostando una fettina intera di pane, che il vostro bimbo potrà succhiare a piacere.

  • CREMA DI CECI (dosi per una pappa)
  • 5 g di ceci secchi, precedentemente ammollati in acqua fredda per 12 ore, mezzo spicchio d’aglio, 1 foglia di salvia, 1 cucchiaino di parmigiano o grana grattugiato, 1 cucchiaino di olio extravergine d’oliva, 15 g di grissini, brodo vegetale q.b.

Lessare i ceci ormai ammollati, scolarli e passarli al passaverdure per ridurle in purea. Tritare aglio e salvia e lasciarli stufare in padella con il brodo, aggiungendo poi la crema di ceci e unendo altro brodo, se il composto risulta troppo solido. Portare ad ebollizione e mescolare qualche minuto. Trasferire la passata nel piattino, condire con l’olio ed il formaggio grattugiato e proporre i grissini a parte.

  • PAPPA CON IL PESCE (dosi per una porzione)
  • Da 150 a 180 ml di brodo di verdura, 20 g di pastina (o crema di riso o di mais e tapioca), pesce fresco sfilettato e privato delle lische (scegliere tra merluzzo, nasello, sogliola, trota e salmone), uno o due cucchiaini d’olio extravergine d’oliva.

Cuocere i filetti del pesce che avete scelto al vapore e, in un’altra pentola, la pastina o le creme nel brodo di verdura. Quando il pesce sarà cotto, schiacciarlo con la forchetta per ridurlo in poltiglia e poi aggiungere la pastina con il brodo, mescolando per amalgamare bene il tutto. Condire con l’olio e servire tiepido.

  • TORTINE ALLA PERA (per la merenda)
  • 2 pere medio-grandi ben mature, 200 g di farina, mezza bustina di lievito per dolci, 2 uova, 50 g di burro, 60 g di zucchero, un pizzico di sale.

Lavare e sbucciare le pere e tagliarle a cubetti molto piccoli, spruzzarle con qualche goccia di succo di limone per non farle annerire. Mescolare lo zucchero e le uova in una ciotola capiente e poi aggiungere il burro lasciato ammorbidire a temperatura ambiente e un pizzico di sale. Per ultima, incorporare la farina e mescolare: se risulta troppo denso, aggiungere al composto un goccio di latte. Aggiungere quindi il lievito e i tocchetti di pera. Imburrare ed infarinare delle formine e riempirle con una abbondante cucchiaiata di impasto e infornare in forno già caldo a 200°. Dopo 10 minuti di cottura, abbassare la temperatura a 180° e lasciar proseguire per altri 15 minuti. Se infilando uno stuzzicadenti nelle tortine lo trovate umido, lasciate in forno ancora qualche minuto e riprovate: deve essere asciutto.

  • SMOOTHIE DI FRUTTA DEL BOSCO o DI FRUTTA BIANCA (ideali per l’estate)
  • 5 lamponi, 4 fragole, 1 spicchio di mela, 2 cubetti di ghiaccio OPPURE
  • 1 fettina di melone bianco, 1 spicchio di pesca, 3 cucchiai di succo mi mela

Lavare bene fragole e lamponi per la prima ricetta e sbucciare la frutta prevista per entrambe le varianti. Frullare l’una o l’altra combinazione, unendo i cubetti di ghiaccio, o diluendo con acqua fredda o succo di mela.

Per concludere, vi consigliamo il libro scritto dagli studiosi e dai nutrizionisti dell’Ospedale IRCCS di Trieste, che sono tra i più convinti sostenitori dell’autosvezzamento: si intitola Io mangio come voi – Come iniziare una sana alimentazione ai 6 mesi e proseguirla fino a 99 anni, edito da Terre di Mezzo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...