Aversa: scritte di Gomorra sui muri del Municipio mentre si celebrano le prime nozze trans

Matrimonio

Aversa: scritte di Gomorra sui muri del Municipio mentre si celebrano le prime nozze trans

Aversa: scritte di Gomorra sui muri del Municipio mentre si celebrano le prime nozze trans
Aversa: scritte di Gomorra sui muri del Municipio mentre si celebrano le prime nozze trans

Le scritte hanno scatenato l’indignazione del sindaco Enrico de Cristofaro: "Aversa è una città aperta, libera da pregiudizi e non si riconosce in questo".

E’ un episodio assolutamente vergognoso quello che è accaduto la notte scorsa, ad Aversa. Scritte oscene e dense di omofobia sono apparse sui muri del Comune dove, questa mattina, si è sposata Alessia Cinquegrana, prima trans in Italia a convolare a nozze. Le frasi fanno riferimento alla celebre battuta tormentone della serie tv “Gomorra“. In questo contesto, però, assumo un significato molto più grave. Soprattutto per la concomitanza con il giorno del matrimonio. E perchè è stato scritto anche il nome di Alessia. La firma è corredata dal simbolo del Fronte della Gioventù, formazione di destra.

Chi sono Alessia e Michele?

Alessia e Michele hanno finalmente coronato il loro sogno d’amore dopo una convivenza di 11 anni. Ma il loro non è stato un matrimonio come tanti. Il motivo lo spiega il vice-sindaco di Aversa, Federica Turco. “Siamo molto orgogliosi di essere il primo Comune in Italia ad aver ospitato le nozze tra un trans e il suo compagno.

Si tratta di un evento che è la dimostrazione di apertura e di grande sensibilità che la città e l’amministrazione dimostrano verso temi così delicati, importanti sui diritti fondamentali di ciascun individuo”.

Insomma, siamo davanti a una storia a lieto fine, quella tra l’ex Miss Trans Alessia Cinquegrana, residente ad Aversa, e il suo compagno Michele Picone, originario del limitrofo Comune di Trentola Ducenta. Alessia, infatti, è riuscita a ottenere l’attribuzione del sesso femminile, nonché il riconoscimento del nuovo status, senza doversi sottoporre a intervento chirurgico. Ad Aversa, è già stata celebrata un’unione civile tra due omosessuali e un’altra è in programma a luglio. Ma si tratta di procedure del tutto diverse. Quello della Cinquegrana è un matrimonio vero e proprio. E il primo, in assoluto, in Italia. L’annuncio delle nozze era stato dato direttamente dalla Associazione Trans Napoli, che ha seguito Alessia sia dal punto di vista legale che da quello psicologico.

L’efficienza e l’accoglienza da parte degli uffici comunali

La notizia del matrimonio era stata comunicata agli uffici competenti del Comune oltre un mese fa.

Per la precisione, da quando l’ex Miss Trans era venuta a ultimare alcune pratiche previste per legge. Nonostante ciò, non tutti, in Municipio, sapevano che la Alessia Cinquegrana avesse un passato così singolare. E la notizia ha suscitato la felice sorpresa di molti. “Io ero chiaramente a conoscenza della pratica di riattribuzione del genere. Pratica che è stata curata dall’Ufficio anagrafe e di Stato civile dopo aver preso atto della sentenza giudiziaria che ha accolto l’istanza di cambiamento di sesso da parte della Cinquegrana – spiega Turco – Siamo molto felici che una nostra cittadina possa aver compiuto un passo così determinante. Soprattutto grazie anche alla velocità del nostro ufficio”.

Ed è stata proprio la professionalità degli uffici a spingere molte persone residenti in diversi altri Comuni d’Italia, soprattutto omosessuali, a fare domanda per celebrare ad Aversa l’unione civile. Il Comune non fa altro che applicare la legge. Una legge molto chiara, nei confronti delle persone come Alessia.

Persone che vanno tutelate, a prescindere dal loro orientamento sessuale e della tendenza dominante. “E noi continueremo a farlo”, ha concluso il vice sindaco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche