Baku 2015: ora è il momento delle medaglie italiane COMMENTA  

Baku 2015: ora è il momento delle medaglie italiane COMMENTA  

Si sapeva che le prime due settimane dei Giochi Olimpici Europei di Baku sarebbero state durissime, ma ora sono passate e, adesso, arrivano le discipline in cui l’Italia dovrebbe riuscire a portare a casa le medaglie, anche se, in alcuni casi, ancora non se ne conosce il metallo.


Fra gli sport che dovrebbero vedere gli azzurri fra i primi ci sono il nuoto e la scherma e, almeno per ora, le attese non sono state tradite.


Subito quattro medaglie, infatti, due argenti dal nuoto e due bronzi dalla scherma.

Nel primo caso, Ilaria Cusinato si è inchinata solo alla britannica Abbie Wood nei 400 misti (l’ottimo 4.44.01 il tempo finale), e altrettanto sono riusciti a fare i ragazzi della 4×100 stile libero, Alessandro Miressi, Giovanni Izzo, Ivano Vendrame e Alessandro Bori (3.20.19).

Nel secondo, Alberto Pellegrini e Luigi Miracco hanno abbandonato la gara di sciabola solo in semifinale e contro atleti forse non più forti, ma di sicuro sembrati più esperti (l’ucraino Andriy Yagodka e il romeno Tiberin Dolniceanu). Niente recriminazioni, comunque, perché il bronzo è comunque un buon risultato.


Nei prossimi giorni, dal pugilato arriveranno di sicuro altre 5 medaglie, in virtù delle semifinali raggiunte da Vincenzo Picardi, Valentino Manfredonia, Vincenzo Mangiacapre, Valentina Alberti e Marzia Davide.

L'articolo prosegue subito dopo


Nel medagliere, con la Russia al comando con 47 ori, al momento l’Italia ha 6 ori, 11 argenti e 5 bronzi (11 esima).

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*