Balotelli ci ricasca: nello strip club fino alle 3 COMMENTA  

Balotelli ci ricasca: nello strip club fino alle 3 COMMENTA  

Una ne pensa, e cento ne fa, Mario Balotelli. Peccato che non scelga quasi mai il momento giusto: così nella settimana del grande gelo con il ct Prandelli, delle scuse viva voce non ancora comunicate dopo il calcetto a Scott Parker costato quattro giornate di squalifica e la convocazione per l’amichevole contro gli Stati Uniti, eccolo combinarne un’altra.

Il tabloid The Sun ha infatti pubblicato foto inequivocabili che ritraggono Super Mario all’uscita dall’”X in The City”, il più noto strip club di Liverpool, poco prima delle 3 del mattino di sabato.

Va da sé che alla vigilia di una partita importante come quella che il City dovrà affrontare sabato pomeriggio contro il pur modesto Bolton questo comportamento non rappresenti proprio quello ideale per un professionista, in particolare se già si viene da settimane di polemiche e se i due allenatori, Mancini e Prandelli, non smettono un giorno sì e l’altro pure di invitarlo ad assumere comportamenti più professionali.

Se proprio voleva recarsi in un luogo simile, perché non farlo durante la squalifica?

Sembra che dietro ai comportamenti di Balotelli ci sia sempre la voglia di stupire, di dimostrare un’incorreggibilità destinata a lungo andare ad essere controproducente.

L'articolo prosegue subito dopo

Come se non bastasse, Balotelli potrebbe anche incorrere nelle ire della fidanzata Raffaella Fico: chissà cosa dirà infatti l’ex gieffina ed ex isolana dopo che avrà saputo che il suo bel Mario trascorre in maniera così discutibile le ore libere. Il tutto peraltro arriva meno di una settimana dalla maglietta “Raffaella ti amo” mostrata dopo aver trasformato il calcio di rigore contro il Newcastle in quella che sembrava la partita della definitiva rinascita. Ma evidentemente Mario non riesce proprio a mettere la testa a posto, con inevitabili ricadute sulla sua vita: per il momento solo su quella sportiva. Per quella sentimentale, si vedrà.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*