Bandi della Regione Piemonte per incentivare il risparmio energetico

Attualità

Bandi della Regione Piemonte per incentivare il risparmio energetico

In attuazione del Piano d’Azione per l’energia 2012-2013, la regione Piemonte ha aperto alcuni bandi volti ad incentivare il risparmio energetico e l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili. Si tratta di 5 nuovi bandi per oltre 20 milioni di euro di finanziamenti per interventi in campo energetico. Le domande devono essere presentate entro il 15 marzo 2013. I bandi non interessano le aziende agricole in quanto sono ammessi gli enti pubblici e le imprese di vari settori tra cui quelle del settore agroindustriale che lavorano prevalentemente prodotti di terzi. Le 5 tipologie di bando sono le seguenti:

1) Agevolazione alla diffusione, sul territorio piemontese, di sistemi di valorizzazione dell’energia termica prodotta da impianti alimentati da biomasse provenienti dalla filiera forestale”
Dotazione finanziaria: 5.000.000,00 €
Beneficiari: enti pubblici e imprese del settore delle cave e delle attività manifatturiere, per l’agricoltura sono ammesse le sole attività di trasformazione e lavorazione di prodotti agricoli la ci provenienza sia prevalentemente extra aziendale.
Interventi ammissibili: realizzazione di un impianto di produzione di sola energia termica alimentato da biomasse provenienti dalla filiera forestale, nonché di eventuali strutture per la lavorazione e lo stoccaggio della biomassa presso il sito dell’impianto;
realizzazione di nuovi sistemi per lo sfruttamento del calore prodotto da impianti cogenerativi alimentati da biomasse provenienti dalla filiera forestale
spesa minima: 20.000 €; tipologia di aiuto: 100% conto interessi oppure 80% conto interessi e 20% fondo perduto.
2) Concessione di finanziamenti agevolati per la realizzazione di edifici a energia quasi zero
Dotazione: 1.000.000,00 €
Beneficiari: imprese di costruzione edile.
3) Agevolazione alla diffusione, sul territorio piemontese, di impianti termici alimentati a fonte rinnovabile
Dotazione: 3.500.000,00 €
Beneficiari: amministrazioni pubbliche e imprese del settore delle cave e delle attività manifatturiere, per l’agricoltura sono ammesse le sole attività di trasformazione e lavorazione di prodotti agricoli la cui provenienza sia prevalentemente extra aziendale.
Interventi ammissibili: a) installazione di pompe di calore idro–geotermiche; b) sostituzione di pompe di calore esistenti di taglia superiore a 500kW; c) installazione di impianti solari termici, anche abbinati a sistemi di solar cooling, con superficie lorda superiore a 1.000mq; d) impianti destinati al recupero di cascami termici da processi industriali; e) altri sistemi di produzione di energia termica da fonte rinnovabile ad esclusione delle biomasse.
Spesa minima: 10.000,00 €
Tipologia di aiuto: 100% in conto interessi oppure 80% conto interessi e 20% fondo perduto.
4) “Incentivazione alla razionalizzazione dei consumi energetici nel patrimonio immobiliare degli enti pubblici
Beneficiari: enti pubblici.
5) “Piu’ Green 2013” – Agevolazioni per l’efficienza energetica e l’uso di fonti di energia rinnovabile nelle imprese
Dotazione: 5.000.000,00 €
Beneficiari: imprese del settore delle cave e delle attività manifatturiere, per l’agricoltura sono ammesse le sole attività di trasformazione e lavorazione di prodotti agricoli la cui provenienza sia prevalentemente extra aziendale.
Interventi ammissibili: installazione di impianti di cogenerazione ad elevato rendimento; interventi finalizzati all’aumento dell’efficienza energetica nei processi produttivi (è richiesto un risparmio annuo di energia almeno pari a 1,5 kWh per euro investito.

Installazione di sistemi di sfruttamento della geotermia; avvio e/o incremento della produzione e conseguente uso di energia da fonti rinnovabili a condizione che a) l’energia prodotta sia destinata anche al soddisfacimento, in tutto o in parte, del fabbisogno di energia dell’unità locale;
b) impianti fotovoltaici che abbiano le caratteristiche degli “impianti fotovoltaici con caratteristiche innovative”o degli “impianti a concentrazione”.
Spesa minima: 20.000,00 €
Tipologia di aiuto: 100% in conto interessi oppure 80% conto interessi e 20% fondo perduto. Le domande dovranno essere trasmesse in forma telematica dal sito di Sistema Piemonte e la domanda cartacea spedita a: Regione Piemonte Settore Sviluppo Energetico Sostenibile, Corso Regina Margherita 174, 10152 Torino.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche