Bandi finanziamenti fondo perduto Marche 2015

Guide

Bandi finanziamenti fondo perduto Marche 2015

Aperti due bandi per la concessione di finanziamenti fondo perduto per il 2015. Vediamo di cosa si tratta.

Il primo, le cui domande di partecipazione potranno essere presentate fino ad esaurimento del fondo, consiste nella concessione di finanziamenti agevolati per le start up innovative.

Si tratta, più nello specifico, della concessione di un mutuo a tasso zero finalizzato alla nascita e allo sviluppo di start up innovative italiane.

Chi sono i beneficiari dell’iniziativa?

I beneficiari del bando sono:

  • le start-up innovative di piccola dimensione;
  • le persone fisiche che intendono costituire una start-up innovativa, purché l’impresa sia costituita entro e non oltre 60 giorni dalla data della comunicazione di ammissione alle agevolazioni.

Per start-up innovative si intendono le imprese iscritte nel Registro delle Imprese che:

  • siano società di capitali costituite da non più di 48 mesi;
  • abbiano un valore di produzione < 5 milioni di euro;

Le imprese coinvolte nell’iniziativa sopra descritta devono occuparsi della produzione di beni e servizi da forte contenuto tecnologico e innovativo e che puntino alla valorizzazione della ricerca pubblica e privata.

Il finanziamento

L’importo del mutuo concesso può arrivare sino al 70% delle spese ammissibili (con un massimo di 1.050.000 euro). Il valore del finanziamento potrà arrivare all’80% qualora la start-up sia costituita da giovani fino a 35 anni di età e/o da donne o qualora tra i soci sia presente almeno un dottore di ricerca che rientra dall’estero dopo un’esperienza triennale (max € 1.200.000).

Durata del finanziamento

Il mutuo ha una durata massima di 8 anni e prevede un rimborso, dopo 12 mesi a decorrere dall’erogazione dell’ultima quota dell’agevolazione, in base ad un piano di ammortamento a rate semestrali.

Il secondo bando previsto, le cui domande possono essere presentate sino al 15/03/2015 prevede la concessione di contributi per investire in ambito di sicurezza sul lavoro.

Le imprese coinvolte nell’iniziativa sono quelle che investono in attrezzature e macchinari da impiegare per raggiungere un miglioramento delle condizioni di sicurezza sui luoghi di lavoro.

Il finanziamento

Il finanziamento è costituito da un contributo pari al 65% delle spese sostenute dall’impresa per la realizzazione del progetto, al netto dell’Iva, fino a un massimale di 130.000 euro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Manuela Margilio 102 Articoli
Sono laureata in giurisprudenza e amo scrivere su questioni relative al diritto e fisco; mi piace leggere e mi dedico alle recensioni. Scrivere sul web è una delle mie passioni che mi consente di essere sempre aggiornata.