Barack Obama, il razzismo non è finito

Esteri

Barack Obama, il razzismo non è finito

barack obama

Il monito di Barack Obama a Dallas alla commemorazione degli agenti uccisi la scorsa settimana. “Il razzismo non è finito”.

Il presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama ha voluto sottolineare quanto attuale sia il tema dei pregiudizi razziali, quanto il razzismo sia ancora pericoloso e ben lontano dall’essere sradicato dalla società americana.

Intervenendo a Dallas alla cerimonia di commemorazione dei poliziotti uccisi la scorsa settimana, Obama ha lanciato un monito: “il razzismo non è finito”. “Nessun individuo”, ha spiegato, “nessuna istituzione è interamente immune dal pregiudizio razziale” e “i pregiudizi rimangono”.

Barack Obama ha sottolineato come la lotta ai pregiudizi debba essere portata avanti con costanza e razionalità e da tutti quanti, proprio perché “tutti ci imbattiamo nell’essere bigotti a un certo punto delle nostre vite” e “se siamo onesti, siamo in grado di sentire i pregiudizi dentro di noi“.

Ignorare le “manifestazioni degli afroamericani” è impossibile, secondo il presidente Usa, “non possiamo metterle da parte come inquietudine politica”, “farlo significa negare la realtà”. Il dolore di questo momento è grande e “potrebbe non passare presto”, ma Obama si è detto fiducioso che “i poliziotti non sono morti invano“.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...