Barbato (Idv) alla maggioranza: avete rotto i coglioni e mostra il dito medio al PD COMMENTA  

Barbato (Idv) alla maggioranza: avete rotto i coglioni e mostra il dito medio al PD COMMENTA  

20120703-125752.jpg

L’aula di Montecitorio continua a sembrare più un’arena che un luogo dove si decidono l sorti del paese. Il presidente della Camera Gianfranco Fini ha espulso l’On.

Leggi anche: Referendum: il discorso di Matteo Renzi

Franco Barbato che, illustrando un emendamento alla spending review, ha urlato: “A questa maggioranza dico da parte dei giovani che avete rotto i coglioni”.

Leggi anche: Referendum: i primi exit poll sono NO 57-61% , SI 39-43%

Dopo essere stato espulso da Fini, Barbato ha “salutato” i deputati del PD mostrando loro il dito medio.

Leggi anche

famigliadown
News

Bimbo Down abbandonato: famiglia cerca adozione

Un mese fa, al Policlinico di Bari, era stato partorito e abbandonato un bimbo affetto dalla Sindrome di Down e finalmente è arrivata una coppia disposta ad adottarlo. Il piccolo si trova ancora in una culla del reparto di Neonatologia nel capoluogo pugliese, ma quando sarà dimesso, avrà una casa pronta ad accoglierlo. Poco tempo prima era stata abbandonata nello stesso ospedale una bimba con la medesima patologia – causata, lo ricordiamo, dalla presenza di un cromosoma 21 in più – ed è stata subito "scelta". Diverso il caso del maschietto, per cui i richiedenti adozione hanno seguito un “lungo percorso” secondo la prassi. In entrambi in casi comunque si Leggi tutto

1 Commento su Barbato (Idv) alla maggioranza: avete rotto i coglioni e mostra il dito medio al PD

  1. L’aula di Montecitorio continua a sembrare più un’arena che un luogo dove si decidono l sorti del paese. Il presidente della Camera Gianfranco Fini ha espulso l’On. Franco Barbato che, illustrando un emendamento alla spending review, ha urlato: “A questa maggioranza dico da parte dei giovani che avete rotto i coglioni”. Dopo essere stato espulso da Fini, Barbato ha “salutato” i deputati del PD mostrando loro il dito medio.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*