Bari, smascherati gruppi che spacciavano: 7 arresti

Bari, smascherati gruppi che spacciavano: 7 arresti

Bari

Bari, smascherati gruppi che spacciavano: 7 arresti

spacciavano

Smascherati dai carabinieri due gruppi che spacciavano stupefacenti tra Terlizzi, Ruvo e Molfetta. Sette persone arrestate. Tra gli indagati anche dei minorenni.

Sono sette le persone arrestate nel barese dai carabinieri con l’accusa di appartenere a due gruppi che spacciavano stupefacenti in alcuni comuni della provincia del capoluogo pugliese. L’operazione dei militari dell’Arma è scattata all’alba di oggi, 2 maggio 2017. Oltre alle sette ordinanze di custodia cautelare, è stata emesso anche un provvedimento di obbligo di presentazione ai carabinieri. Tra gli indagati ci sono anche dei minorenni.

I gruppi spacciavano droga nelle piazze, chiamandola “birra”

Secondo quanto è emerso dalle indagini, i due gruppi spacciavano uno cocaina ed eroina e l’altro hashish. Entrambi erano legati al clan dei Dello Russo e svolgevano la propria attività nelle piazze dei comuni di Terlizzi, Molfetta e Ruvo di Puglia. Proprio da Terlizzi nell’aprile del 2016 sono partite le indagini che hanno permesso di smascherare il traffico. Negli ultimi anni, infatti, la cittadina del barese ha visto un’impennata degli arresti per spaccio e detenzione di armi e munizioni.

Per incastrare i malviventi, i carabinieri si sono serviti di intercettazioni telefoniche, appostamenti e telecamere nascoste. Grazie alle intercettazioni, i militari dell’Arma hanno scoperto che i membri dei gruppi usavano un linguaggio in codice e si riferivano agli stupefacenti con il nome di “birra”. L’uso delle telecamere, invece, ha permesso ai carabinieri di riprendere uno degli spacciatori mentre occultava un ovulo di eroina all’interno di una fenditura in un muretto a secco posto ai bordi di una strada.

A rifornire i gruppi era un pregiudicato terlizzese

Le due bande di spacciatori si approvvigionavano presso un pregiudicato di Terlizzi, che fungeva da grossista. Uno degli arrestati è stato colto dai carabinieri in flagranza di reato e messo in manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione illegale di armi. L’uomo era tra coloro che spacciavano cocaina ed è stato trovato dai militari in possesso di diverse migliaia di euro, ottenute proprio mediante la vendita della droga.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche