Bari-Torino: precedenti e probabili formazioni

Bari

Bari-Torino: precedenti e probabili formazioni

L’ultima partita intera del Torino risale a venti giorni fa, ad Empoli prima che un’incredibile grandinata pre-pasquale e la sciagura di Morosini bloccassero forzosamente la marcia dei Ventura-boys. Così la volata finale verso la Serie A si è trasformata in un’autentica maratona: i 42 chilometri sono le otto partite e mezzo che i granata dovranno giocare da sabato al 27 maggio compresi quattro scontri d’alta quota. Il primo non è uno scontro diretto ma presenta qualche asperità, soprattutto di carattere ambientale. Sarà infatti il ritorno al San Nicola dell’allenatore che ha fatto grande il Bari due anni fa. Il tutto con i retaggi della sfida al veleno dell’andata.

Bari: a furia di ricevere penalizzazioni la classifica dei biancorossi si è fatta non preoccupante ma quantomeno bisognosa di una certa attenzione. Così i giovani di Torrente devono arrivare, o meglio tornare, il prima possibile a quota cinquanta punti per poi mettersi in poltrona e vedere ciò che accadrà: in società ma pure in sede di punizioni per lo scandalo-scommesse.

Il pubblico però, o almeno quello che avanza di esso, chiede un’ultima prova d’orgoglio davanti ad un ex amato ed odiato come Ventura. Non sarà della partita Borghese, squalificato e protagonista della tesissima partita d’andata ma il difensore sarà l’unico assente: Bogliacino al rientro dalla squalifica tornerà a comporre il terzetto di centrocampo con Romizi e De Falco, conferma anche davanti per Caputo insieme a Forestieri e Stoian. Indisponibili: Cavanda, Castillo. Squalificati: Borghese, Scavone.

Torino: in attesa di capire se saranno più fischi o applausi a fare da cornice al ritorno al San Nicola sei mesi dopo l’esonero, Ventura tiene la barra dritta. Con due gare in meno la classifica è in giudicabile ma il tecnico sa che tornare dalla Puglia senza punti potrebbe essere molto pericoloso. Il Toro dovrebbe smettere il vestito consueto, ovvero il 4-2-4 che fece le fortune del Bari venturano, per un più prudente 4-3-3, schierandosi così a specchio rispetto ai galletti.

A comporre il terzetto dei mediani saranno il rientrante Vives con l’acciaccato Basha e Vives, coinvolto nello scandalo-scommesse ma ugualmente convocato insieme agli ex Guberti e Parisi, per i quali è in arrivo una salve di fischi. Stevanovic-Bianchi-Antenucci tris offensivo. Regolarmente in campo Ogbonna dopo la contusione al ginocchio in settimana. Indisponibili: F. Coppola, Suciu, Surraco. Squalificati: nessuno.

Precedenti: appena quattro le sfide giocate a livello di Serie B a cui si sommano le ventiquattro al piano superiore. Il bilancio è in perfetta parità con una vittoria a testa e due pareggi, arrivati curiosamente nel primo precedente assoluto tra i cadetti (lo 0-0 del 1997) e nell’ultimo, che risale al 14 gennaio 2006: il Toro di De Biasi, lanciato verso la promozione diretta, si fece rimontare nel finale il doppio vantaggio firmato Fantini e Rosina dalla doppietta del futuro granata Biagio Pagano per un 2-2 che comunque non fece contento neanche il Bari, lontanissimo dalla zona playoff.

Fu quello il terzo confronto consecutivo tra le due squadre in seconda serie: l’anno precedente si registrò l’unica vittoria del Toro, l’1-0 del 25 settembre 2004 con gol di Pinga mentre l’11 settembre 2003 nella giornata inaugurale la spuntò il Bari 2-1 con reti di Spinesi e Pizzinat oltre all’inutile gol di Andrea Fabbrini. Ben dieci gli ex: due nel Bari, Cavanda (assente) e Garofalo, ben sette tra i granata: oltre a Ventura ecco Glik, Guberti, Salvatore Masiello, Meggiorini, Parisi e Sgrigna.

Probabili formazioni: Bari: Lamanna; Crescenzi, Ceppitelli, Dos Santos, Garofalo; De Falco, Romizi, Boglacino; Forestieri, Caputo, Stoian. Torino: Benussi; Darmian, Glik, Ogbonna, Parisi; Basha, Iori, Vives; Stevanovic, R. Bianchi, Antenucci.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*