Barricato al 13esimo piano, sequestratore si arrende dopo diverse ore

Esteri

Barricato al 13esimo piano, sequestratore si arrende dopo diverse ore

14

E’ finita senza conseguenze ma con tanto spavento la vicenda del sequestratore di Brasilia rimasto barricato al tredicesimo piano di un edificio. Dopo diverse ore l’uomo si è arreso: si tratta di un ex assessore del Partito Progressista nella città di Combinado, nello stato del nordest di Tocantins, il 30enne Jac Sousa Dos Santos. L’uomo ha preso un ostaggio che ha ammanettato e mostrato più volte a telecamere e fotografi affacciandosi al balcone del palazzo, chiedendo che l’estradizione dell’ex terrorista Cesare Battisti. Inizialmente si pensava fosse uno squilibrato: l’edificio, un albero, è stato fatto rapidamente evacuare e l’intera zona è stata isolata mentre sul posto sono intervenuti gli artificieri, per paura che l’uomo potesse farsi esplodere. Ci sono volute sette lunghe ore di contrattazione, prima che l’uomo decidesse di arrendersi: dopo aver lasciato le armi ha rimosso il gilet esplosivo all’ostaggio ed è stato arrestato. Tre lettere di addio indirizzate alla famiglia, sono state trovate poco dopo, scritte dall’uomo che aveva con tutta probabilità l’intenzione di suicidarsi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche