Basta Monti! Manifestazione a Roma COMMENTA  

Basta Monti! Manifestazione a Roma COMMENTA  

“Con l’Europa che si ribella, cacciamo il governo Monti”. Con questo slogan si è aperto il corteo del ‘No Monti day’, partito, nel primo pomeriggio di ieri, da piazza della Repubblica e arrivato in piazza San Giovanni intorno alle 17.Tra i partecipanti al corteo anche membri dei vigili del fuoco e dei terremotati dell’Emilia che protestavano per la mancanza di intervento del Governo sui territori colpiti dal sisma. Il corteo è stato tendezialmente pacifico, a parte qualche lancio di uova verso le vetrine di alcune banche. Mentre la manifestazione era confluita in piazza San Giovanni, un corteo non autorizzato, composto da circa duemila studenti, ha deviato il percorso andando ad  occupare una parte della bretella della A24 bloccando la tangenziale. In questo distaccamento non autorizzato, erano presenti delle persone incappucciate vestite di nero che hanno dato alle fiamme alcuni cassonetti, lanciando petardi e bloccando il traffico della via Tiburtina per protestare contro il governo delle banche.

Leggi anche: Quanto costa operazione palloncino intragastrico


In piazza San Giovanni intanto, si è svolto un piccolo comizio contro la finanza, l’euro e il governo Monti. “Bisogna disobbedire all’Europa, è ora di smetterla di inseguire il centrodestra e il centrosinistra, bisogna fare una politica alternativa” ha affermato Paolo Ferrero, segretario della Federazione della sinistra che ha poi aggiunto: “Chiedo alla Cgil uno sciopero generale contro questo governo delle banche e dei padroni”. Al ‘No Monti day’ era presente anche l’ex leader di Rifondazione comunista che non ha fatto mancare un commento contro il governo tecnico affermando che “Monti non è una parentesi che si apre e chiude” e che “in Italia c’è un vuoto di progettazione politica, un vero disastro”.

Fonte: La Presse

No Monti day, Roma occupata e tangenziale bloccata

Leggi anche

Udine: madre picchia brutalmente sua figlia perché non porta il velo
Attualità

Udine: madre picchia brutalmente sua figlia perché non porta il velo

Una giovane studentessa è stata violentemente  picchiata dalla madre perché non portava il velo .   Accadeva a Udine: la ragazza è stata subito allontanata dai Servizi sociali del Comune e collocata in una struttura protetta, sicura attacchi di ira violenta come quello appena subito. La giovane era stata picchiata dalla mamma  solo non aveva messo il velo islamico, giovane che temeva anche la reazione del padre.  La studentessa era infatti stata  sorpresa dalla madre a scuola, mentre era  senza velo. Una ragazzina di origini nordafricane, una brava studentessa in un istituto superiore di Udine, che è stata allontanata d'urgenza dalla Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*