Belen fuma in volo, atterraggio di emergenza: "Pensavo fosse un rapimento"

Belen fuma in volo, atterraggio di emergenza: “Pensavo fosse un rapimento”

Gossip e TV

Belen fuma in volo, atterraggio di emergenza: “Pensavo fosse un rapimento”

belen fuma in aereo

Belen ha dato la sua versione dei fatti sull'atterraggio di emergenza dell'altro giorno: ha pensato che il pilota la stesse rapendo

Momenti di panico per la splendida Belen e il fidanzato Andrea Iannone. Durante un volo da Ibiza a Creta, il pilota ha fatto un atterraggio di emergenza, perché, a quanto ha detto, la bella showgirl argentina si è messa a fumare mentre erano ancora in volo. Belen, però, ha smentito il tutto, rivelando cosa è successo realmente e dichiarando che, per più di un’ora, lei e il fidanzato hanno temuto di essere vittime di un rapimento.

Belen racconta la traumatica esperienza dell’atterraggio di emergenza

Belen Rodriguez ha deciso di dare la sua versione dei fatti a riguardo dell’atterraggio di emergenza dell’altro giorno. La versione che ha dato il pilota sostiene che la showgirl si è messa a fumare in volo, ma Belen ha smentito: “Non ho mai acceso una sigaretta in volo“.

“Da una parte non ne volevo parlare, perché ormai sono abituata a questo genere di montature” ha continuato la modella “Ma l’altro giorno mi sono davvero spaventata, ho avuto anche una specie di attacco di panico.

Per questo adesso andremo per vie legali e nei confronti del pilota partirà una denuncia importante“.

Ha raccontato, poi, che cosa è successo sull’aereo, dando una spiegazione chiara degli eventi: “A un certo punto si sono accese le spie di emergenza e il pilota non ha più voluto parlarci: ha messo il segnale di non disturbare. Il mio fidanzato ha provato a comunicare con lui, bussava alla porta, gli ripeteva please, ma niente. Sentivamo che l’aereo stava scendendo ma non capivamo dove fosse diretto. Non ce lo diceva. Così ho iniziato a mandare dei messaggi a mia mamma e ad alcune amiche con gli screenshot della nostra posizione: quando l’aereo non vola alto il telefono prende. Questo perché ho anche pensato più di una volta che mi stesse rapendo, che quel volo si fosse trasformato in un rapimento“.

Anche il fidanzato, Andrea Iannone, ha confermato la sua versione: “Era una sigaretta elettronica”. Dice poi di aver provato “molta paura: il comandante ha chiuso la porta e non ha più voluto parlare con noi.

Non sapevo dove ci stesse portando, mi pareva di essere al centro di un sequestro. In gara con le moto si rischia sempre, ma non ho mai avuto paura come l’altra sera. Almeno, quando sono in sella, sono io il comandante”

La reazione di Belen e del fidanzato

L’atterraggio sarebbe, quindi stato eseguito sulla base di motivi sconosciuti, noti, forse, solo al pilota. “Fare un atterraggio d’emergenza per nulla? Ma com’è possibile? In pista ci aspettavano quattro pattuglie. Ai poliziotti, che sono stati gentilissimi, ho subito chiesto di verificare che non ci fossero sigarette e hanno confermato anche nel loro resoconto che non ne eravamo in possesso, quindi cade tutta l’accusa”

“Io davvero non lo so — ha proseguito Belen —. Anche gli agenti mi hanno chiesto se per caso il pilota mi avesse riconosciuta ma non lo so dire: più probabile, al limite, che abbia riconosciuto Andrea, che ha un pubblico più internazionale.

Di certo mi stupirebbe se avesse fatto tutto questo per pubblicità perché é un tipo di pubblicità molto cattiva: questa persona rischia anche il licenziamento ora. Alla fine ha dovuto dire che sentiva puzza di bruciato per giustificare la sua decisione, ma le sigarette elettroniche non puzzano, è vapore acqueo, si sa. La sua è stata una messa in scena per cercare di spiegare il suo comportamento”

Ha concluso, infine, con un sospiro. “Beh, vediamola così: se prima di morire dovessi mai scrivere un libro sulla mia vita, di sicuro ci metterò anche questo episodio“.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche