Beppe Grillo a Chiaiano: “La discarica è una porcata”

Napoli

Beppe Grillo a Chiaiano: “La discarica è una porcata”

La democrazia parte da Chiaiano. Dal basso, dalle piazze. Con questo pensiero Beppe Grillo si è schierato a favore di chi vuole una città pulita senza dover per forza convivere con una discarica. A due passi dalla Rotonda Titanic, nel centro della periferia Nord di napoli, Grillo comincia il suo show con una battutta: “Ho visto già delle modificazione genetiche, un lombrico di un chilo e due”, dice il comico alla gente, accorsa in massa, da Marano, Chiaiano, Mugnano. Poi attacca: “Voi siete come una riserva indiana, le vostro proteste rompono le scatole a chi vorrebbe che soffrisse in silenzio”. Gli stessi che hanno permesso l’apertura della discarica – “una porcata del governo Prodi” -, gli stessi che presidiano il sito aperto da lunedì scorso con forze di polizia e bersaglieri. Gli stessi che “hanno reso il problema della discarica uno spot sulla città”.
Secondo Grillo le proteste della gente sono l’inizio di una forma di contestazione intelligente. E il comico genovano punzecchia anche i suoi colleghi partenopei: “Possibile che non esista un cantante rock, un comico, che faccia sua la protesta?”, grida alla piazza, che ascolta in silenzio e applaude. Tranne quando il primario del Monaldi Gerardo Ciannella comunica i dati sull’aumento di tumori polmonari dovuti alla presenza dell’amianto. La riserva indiana, se il Tar del Lazio il 25 febbraio non interverrà per la chiusura della discarica, può correre seri rischi di salute.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...