Beppe Grillo incassò 10 milioni in nero dalla Cisl COMMENTA  

Beppe Grillo incassò 10 milioni in nero dalla Cisl COMMENTA  

20120830-100952.jpg

Scheletri nell’armadio di Beppe Grillo? Sembrerebbe di sì stando a quanto dichiarato in diretta a “La Zanzara” da Giovanni Guerisoli, segretario nazionale amministrativo della Cisl dal 1994 al 2002. Guerisole racconta

Il buon Grillo per partecipare all’assemblea della Cisl ha chiesto 10 milioni di lire cash, tutti in nero e senza ricevute. E noi abbiamo pagato.

Era il 1999, mi pare, era uno show a Numana, in provincia di Ancona. Dopo lo spettacolo lo pagai soldi in mano, a lui di persona.

Cruciani e Parenzo, conduttori della trasmissione chiedono:

Ma come avete fatto a giustificare quella spesa in nero?

Guerisoli, non senza una punta d’imbarazzo spiega:

Ma, a quel tempo era molto meno vincolante di oggi.

Fango, falsità? Difficile da dimostrare. Servirebbe un controllo accurato. Ad ogni modo non è un aspetto meno grave che un sindacato come la Cisl paghi in nero Grillo o chiunque altro. Si tratta di un’ammissione grave ugualmente meritevole di approfondimenti e accertamenti sulla gestione delle casse del sindacato.


Lino Paganelli, responsabile eventi e feste democratiche del Pd, intanto, chiede a Grillo come mai solo ora si pone il problema dei cachet quando per anni lui stesso ha preso parte a varie feste dell’Unità.

“Grillo – conclude Paganelli – fa sempre in tempo a restituire il denaro”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*