Bergamo: bruciata la targa in memoria del partigiano Pezzuti e imbrattato un monumento ai caduti COMMENTA  

Bergamo: bruciata la targa in memoria del partigiano Pezzuti e imbrattato un monumento ai caduti COMMENTA  

Una ragazzata? Un gioco come un altro? Oppure un voluto atto di sfregio? Difficile dirlo ma quel che è certo è che, alla vigilia della festa della Liberazione, due episodi hanno intaccato la serenità del comune di Lovere (provincia di Bergamo).

Questa notte è stato imbrattato con vernice spray il monumento in ricordo dei 13 Martiri, partigiani uccisi per rappresaglia dai nazisti nel 1943.

Un altro episodio di vandalismo si era verificato ,nello stesso comune, la notte tra sabato domenica: sul muro dell’ex cinema, luogo dove il giovane partigiano Bortolo Pezzotti fu arrestato per aver rifiutato di togliersi il foulard rosso simbolo della resistenza, è stato incendiato il supporto di plexiglas a protezione della targa commemorativa.

Il Pezzotti venne infatti  consegnato alle SS e portato a Bolzano, dove fu trucidato la notte di Pasqua del 1945 dal ‘boia’ Michael Seifert. Solo 5 anni fa la sezione locale dell’ Anpi (Associazione nazionale partigiani) gli aveva dedicato la lapide e adesso, oltre a sostituirla, presenterà denuncia contro entrambi i gesti.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*