Berlusconi anche per il 2013: il Cavaliere vuole essere il Premier

Politica

Berlusconi anche per il 2013: il Cavaliere vuole essere il Premier

Noi ad Alfano premier non ci abbiamo mai creduto così come non abbiamo mai creduto alle primarie nel PDL. Berlusconi è un accentratore, figurarsi se poteva accettare un ruolo di secondo piano. Lui che, da quando è sceso in campo, si è sempre candidato come leader indiscusso del centrodestra. Se chiedete al Cavaliere, in questa fase, lui smentirà. Dirà che sono invenzioni dei giornali. Del resto fece la stessa cosa anche quando, decise di entrare in politica fino al giorno del fatidico annuncio televisivo. Berlusconi, pare, abbia dei sondaggi che gli suggeriscono presentarsi come Premier. I dati li riporta il Corriere della Sera
Un Pdl senza Berlusconi non arriverebbe al 10% dei voti mentre la candidatura di Alfano alla premiership, con il Cavaliere in campo come presidente del partito, porterebbe un risultato intorno al 18%. Se invece Berlusconi fosse ancora in corsa per la presidenza del Consiglio, in un ticket con Alfano e una squadra di giovani dirigenti, dalle urne arriverebbe, secondo i sondaggi, anche un 30%.

considerato che un Berlusconi premier non è una novità, l’idea “nuova” è quella di presentarsi con un nuovo nome per il partito, qualcosa di simile a Forza Italia. Insomma, la fantasia, come sempre, latita, almeno in questi casi. Ammettiamolo, Ruby nipote di Mubarak e le eleganti cene in villa descritte come gare di burlesche, sono idee fantasiose. Il nuovo partito, dunque, si chiamerà Forza qualcosa oppure, Italia qualcosa o, ultima ipotesi, Libertà qualcosa. Ne sapremo di più verso settembre.


Vincenzo Borriello

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...