Berlusconi contro le primarie: ‘Per scegliere il leader meglio la consultazione tra i partiti’

News

Berlusconi contro le primarie: ‘Per scegliere il leader meglio la consultazione tra i partiti’

Silvio Berlusconi ha aperto il dibattito sulle future primarie che potrebbero riguardare la scelta del futuro leader del centro-destra. L’ex premier ha rilasciato una intervista al quotidiano ‘La Repubblica’ nella quale ha criticato apertamente le primarie come strumento di selezione dei leader politici. ‘In troppe occasioni le primarie si sono rivelate uno strumento di consultazione popolare estremamente manipolabile e non in grado di esprimere il miglior candidato tra quelli in gara’. Secondo Berlusconi il metodo migliore per la selezione del futuro candidato premier è l’accordo tra le forze politiche della coalizione.

In futuro si proporrà la questione della leadership nel centrodestra con la Lega che rivendica la leadership della coalizione anche in virtù dei sondaggi che la collocano al primo posto tra i partiti che compongono la coalizione di centro-destra. Il governatore della Liguria, Giovanni Toti ha espresso il proprio gradimento per la soluzione proposta da Berlusconi: ‘Se esiste la possibilità di un accordo globale tra tutti i partiti che si considerano alternativi a Renzi, che passi attraverso il negoziato tra i leader e porti a un giusto equilibrio e a una totale condivisione degli obiettivi, questa certamente resta la via maestra.

Occorre, a mio avviso, trovare un metodo, per dirimere le controversie ove non si trovi un’intesa, per evitare quanto già accaduto alle scorse regionali’.

Leggi anche