Bersani e la maggioranza a rischio: «Gli italiani vogliono il cambiamento. Un Paese serio non ripete le elezioni»

Politica

Bersani e la maggioranza a rischio: «Gli italiani vogliono il cambiamento. Un Paese serio non ripete le elezioni»

Pier Luigi Bersani si sbilancia: «Faccio un pronostico» si legge su Ansa. Secondo il leader del centrosinistra, la sua colazione otterrà la maggioranza, «perché penso che gli italiani prenderanno una direzione di marcia e chiederanno il cambiamento. Chi arriva primo nel Paese governerà alla Camera e al Senato». Ma è proprio in quest’ultimo ramo del Parlamento che si giocano le speranze del centrosinistra di ottenere una maggioranza certa e che costituisce l’ago della bilancia di queste elezioni e del futuro orientamento politico italiano.

Il segretario del Pd, quindi, esclude la possibilità di nuove ed immediate elezioni nel caso non venisse raggiunta la maggioranza in Parlamento: sia perché «un Paese serio non può continuare a inseguire le elezioni», sia perché Bersani è sicuro che non ci saranno frammentazioni di voto.

Il candidato premier, poi, parla della sua proposta per la quale in caso di vittoria il governo da lui guidato pagherà gli arretrati alle aziende che hanno lavorato per la pubblica amministrazione per un importo pari a 10 miliardi di euro l’anno per 5 anni: «La nostra proposta è ragionevole, sostenibile e darebbe ossigeno alle Pmi. I mercati sanno bene che sono soldi dovuti, non hanno i prosciutti sugli occhi» riporta Lettera43.

Su Repubblica viene spiegato anche come verranno trovati questi soldi: La liquidità sarà trovata emettendo titoli del Tesoro sul modello Btp Italia, vincolati esclusivamente al pagamento dei debiti delle pubbliche amministrazioni verso le imprese, soprattutto piccole e medie»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...