Bimba morta dopo un vaccino, risarcimento del Ministero COMMENTA  

Bimba morta dopo un vaccino, risarcimento del Ministero COMMENTA  

Una bimba di soli quattro mesi muore nel Febbraio 2003 a Pesaro. Un mese prima aveva effettuato un vaccino esavalente composto da: diftoterano, antipolio, pertosse, antiemofilo, epatite B. Subito dopo la piccola aveva cominciato a mostrare una serie di sintomi direttamente collegabili alla vaccinazione: dolori alle articolazioni, sovvertimento del ritmo sonno/veglia, inappetenza. Fino a quel giorno, il 7 Febbraio 2003, in cui i genitori la trovarono senza vita nella culla.


Dopo più di dieci anni, la battaglia legale per far accertare il nesso tra la morte della piccola e il vaccino è giunta finalmente al termine.

Per i genitori sarà certo una magra consolazione, poiché non riavranno indietro la loro bimba, ma almeno il Ministero della Salute è stato (giustamente) condannato al risarcimento danni.

L’autopsia effettuata sul corpo della piccola ha stabilito la causa precisa della morte: polmonite interstiziale. La sentenza è stata emessa dal giudice del lavoro Vincenzo Pio Baldi.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*