Bimbo di due mesi prende fuoco da solo: è autocombustione? COMMENTA  

Bimbo di due mesi prende fuoco da solo: è autocombustione? COMMENTA  

Gli esperti di paranormale si stanno chiedendo come è possibile che un bimbo di due mesi abbia preso fuoco spontaneamente per ben quattro volte: potrebbe trattarsi di un raro fenomeno di autocombustione. Secondo gli studiosi in tutto il mondo sono stati trovati altri duecento casi simili a questo. Il piccolo Rahul è nato nell’India meridionale.

Leggi anche: Jennifer: la ragazza uccisa a coltellate dall’ex a Pescara


La mamma Rajeshwari, dopo nove giorni dal parto, assiste senza parole ad un primo episodio, per fortuna senza alcuna conseguenza sul piccolo. Il bimbo viene dimesso dall’ospedale in ottime condizioni di salute, ma una volta tornato a casa il suo corpicino si ricopre nuovamente di ustioni. Dopo quattro episodi del genere i genitori hanno deciso di approfondire il caso presso un centro specializzato indiano per capire l’origine di questo strano fenomeno.

Leggi anche: Straniero violenta bimba di 6 anni: arrestato


I medici che hanno visitato Rahul e lo tengono in cura ritengono che la causa dell’autocombustione potrebbe essere la presenza di gas all’interno del corpo che si sprigionano attraverso i pori della pelle.

Intanto i genitori del piccolo, oltre ad essere seriamente preoccupati per la salute del loro bambino, subiscono le paure e i timori degli abitanti del paese: “Credono che Rahul sia posseduto da un demonio che innesca il fuoco”, dice il papà.

Leggi anche

Referendum: le città con il record di affluenze
Attualità

Referendum: le città con il record di affluenze

Referendum, la frequenza media d'Italia al momento è del 57, 24 %. ma ci sono città che superano la media alla grande. Alle urne sono stati chiamati ben 46.714.950 elettori, di cui 22.465.280 uomini e 24.249.670 donne. Alle 12 di oggi l'affluenza è stata alta, ma con  dei picchi massimi tra cui l'Emilia-Romagna al top (in cui ha votato il 25,96% della popolazione) e la Calabria in coda con il 13,02%. Alle 20 invece siamo, con 7.998 Comuni,  al 57,24%. "Tanti elettori alle urne? Me lo aspettavo perché si vota per una questione importante. Significa che la gente ha voglia di dire qualcosa" dice Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*