Bimbo morto in auto, il padre chiede perdono alla moglie

Cronaca

Bimbo morto in auto, il padre chiede perdono alla moglie

Sono due persone distrutte dal dolore, i genitori del piccolo Luca, di due anni, morto di calore in auto perché dimenticato per otto lunghe ore dal padre. Quest’ultimo, in particolare, è dilaniato dal senso di colpa e ha deciso di chiedere perdono alla moglie per l’accaduto. Il papà del piccolo Luca Albanese, trentanovenne di Piacenza, ha aperto in questi giorni un gruppo su Facebook, intitolato “Mai più morti come Luca”, che fino ad ora ha raccolto circa trentamila adesioni. E’ tanta la gente che si stringe con affetto a questa coppia vicentina che ha perso il figlioletto in circostanze così tragiche.

Il gruppo aspira a diventare un’associazione o una fondazione con l’obiettivo di proporre una legge che renda obbligatori in auto alcuni sistemi di sicurezza, come un dispositivo sonoro che avverta della presenza in macchina di altre persone. Proprio dal social network Andrea ha lanciato un messaggio accorato alla moglie Paola, madre del piccolo Luca: “Perdonarmi sarà l’atto d’amore più forte che devo chiedere a mia moglie.

Lei non vuole comparire, non ha un account Facebook, ma è sempre vicino a me, nonostante tutto, e io l’amo con tutte le mie forze”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche