Biopsia intestinale celiachia come si fa COMMENTA  

Biopsia intestinale celiachia come si fa COMMENTA  

biopsia intestinale

La biopsia intestinale è l’esame in assoluto più sicuro per scoprire se un individuo è celiaco, perché è un test che lascia poco spazio ad errori o interpretazioni errate. Purtroppo si tratta di un esame molto invasivo e fastidioso, soprattutto se è necessario effettuarlo su dei bambini. Esistono diversi test per stabilire se un individuo sia o meno celiaco, ma non tutti sono affidabili al 100%, perché si tratta di un disturbo molto difficile da individuare, a causa dei suoi sintomi di diversa natura. I sintomi della celiachia sono infatti svariati e sono ricollegabili con molta difficoltà direttamente alla celiachia, perché vengono di solito trattati singolarmente e non seguendo un approccio olistico.


La biopsia intestinale si effettua tramite esofagogastroduodenoscopia: un tubicino sottile viene inserito nell’esofago fino allo stomaco e al primo tratto di intestino. Questo tubo è dotato di una telecamera e di una lucina, che aiuta il medico a visualizzare il percorso, ma al tempo stesso permette di raccogliere dei campioni di mucosa intestinale, che verranno successivamente analizzati in laboratorio.

La celiachia è un disturbo che altera la normale struttura della mucosa intestinale, causandone l’appiattimento dei villi. L’esame della mucosa, quindi, mira a confermare o escludere la celiachia, andando ad analizzare proprio i villi intestinali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*