Birra è un antidolorifico? La scienza sembra confermare tutto

Birra è un antidolorifico? La scienza sembra confermare tutto

Salute

Birra è un antidolorifico? La scienza sembra confermare tutto

birra

Uno studio pubblicato sul "The Journal of Pain" ha scoperto le qualità analgesiche della birra. Due pinte aumentano la soglia del dolore.

Birra come analgesico

Il “The Journal of Pain” ha pubblicato uno studio secondo il quale la birra potrebbe in alcune situazioni funzionare da antidolorifico dando ipoteticamente gli stessi benefici. Consumando due pinte di birra e alzando conseguentemente il tasso alcolico dello 0,08 per cento si aumenterebbe di poco la soglia del dolore. Chi è affetto da dolori persistenti infatti è a volte più soggetto all’abuso di alcol, non sarebbe quindi una conseguenza legata ad una depressione che può sorgere in casi di questo tipo ma una vera e propria ricerca di sollievo. Sembrerebbe essere più efficace anche per il mal di testa rispetto al paracetamolo, fungendo così da analgesico naturale. Il dottor Trevor Thompson che ha condotto lo studio afferma: “L’alcol può essere confrontato con farmaci oppiacei come la codeina e l’effetto è più potente del paracetamolo“. Non è però stato ancora chiarito se la riduzione del dolore sia dovuta ad un’azione che coinvolge i ricettori del cervello o più semplicemente ad un rilassamento del corpo e diminuzione della tensione, trattandosi così quindi di una semplice questione psicologica.

Possiamo bere due pinte per il mal di testa?

Ovviamente questa ricerca non vuole consigliare una sostituzione dell’alcol ai farmaci, quest’ultimi rimangono sempre l’unica scelta sensata e con sicuri benefici qual’ora ci sia un consiglio da parte di un medico.

Viene inoltre sottolineato che il consumo di alcol di qualsiasi tipo in grandi quantità provoca a lungo termine gravi danni al fegato, al corpo in generale e tutti i problemi che ne derivano. Bere una birra deve essere ovviamente un piacere, non diventare una dipendenza ne una sostituzione ai classici rimedi farmaceutici. Sono ricerche che vanno sempre considerate come curiosità senza prenderle per verità assoluta. Arriverà magari il giorno che il medico di famiglia prescriverà due pinte di birra di assumere a stomaco pieno, fino ad allora però è meglio rimanere fedele ai classici farmaci utilizzati fin’ora.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche