Black bloc Milano: Rolex risponde a Renzi e Alfano con una lettera

Cronaca

Black bloc Milano: Rolex risponde a Renzi e Alfano con una lettera

1111

Rolex non ci sta ad essere affiancata ai black bloc che il 1 maggo hanno causato danni e devastazione nel cuore di Milano e lo fa con una lettera, rivolta al premier Matteo Renzi e al Ministro dell’Interno Angelino Alfano nella quale parla di “un inaccettabile affiancamento dell’immagine di Rolex alla devastazione di Milano e all’universo della violenza eversiva”. Il colosso svizzero dell’orologeria di lusso ha replicato così alle parole di Renzi e Alfano i quali all’indomani della manifestazione No-Expo e alla distruzione provocata dai black bloc avevano parlato di “teppistelli col Rolex” e di “figli di papà con il Rolex”, dopo la diffusione di un’immagine che mostrava un facinoroso con al polso quello che sembrava essere un orologio di lusso. La missiva aperta è stata pubblicata su diversi quotidiani, chiedendo a premier e ministro una “cortese dichiarazione di rettifica”.

A parlare, esprimendo “profondo rincrescimento e disappunto per l’associazione insita nelle vostre parole fra la condizione di ‘distruttori di vetrine’ ed il fatto di portare un orologio Rolex al polso”, è l’amministratore delegato di Rolex Italia Gianpaolo Marini il quale sottolinea: “Al di là del fatto che, dalla qualità delle foto e dei video che sono stati diffusi dai media, è altamente improbabile poter desumere un’affidabile identificazione come Rolex (e ancor più come Rolex autentico) dell’orologio indossato dai facinorosi che stavano commettendo evidenti reati, credo che il dettaglio dell’essere – o non essere – quest’ultimo di marca Rolex, sia obiettivamente cosa marginale rispetto al ‘cuorè delle vostre dichiarazioni”. “Tuttavia – ha aggunto Marini nella lettera – visto che l’eco è stata straordinariamente vasta, ho preso la libertà di pubblicare la presente a doverosa autodifesa, nell’immediato, della reputazione del marchio e dell’immagine di Rolex”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche