Blatter a un passo dalla morte, cedimento psico fisico da stress

Sport

Blatter a un passo dalla morte, cedimento psico fisico da stress

Sepp Blatter, ex presidente della Fifa (ora sospeso) sarebbe stato a un passo dalla morte.

A dichiararlo è stato lui stesso in un’intervista concessa pochi giorni fa alla televisione svizzera Rts, alla quale ha raccontato che all’inizio di novembre ha dovuto ricoverarsi a causa di un cedimento psico fisico legato ad una situazione di stress prolungato. Blatter ha detto di essere stato “molto vicino alla morte”, “tra il canto degli angeli e il fuoco del diavolo”, ma che “alla fine gli angeli hanno cantato”. Fuor di metafora, Blatter ha minimizzato parlando di “una piccola crisi emotiva”, ma le recenti vicende che l’hanno coinvolto devono avere indotto una condizione non più sostenibile.

“La pressione è stata enorme” è l’ammissione di Blatter, che ha spiegato la vicenda a modo suo. “Se sei forte mentalmente” ha detto, “è possibile resistere, ma alla fine il corpo dice ‘no’ e in questo momento il corpo ha reagito male”. Dannato corpo traditore, viene da dire allora, non fosse che Joseph Blatter detto Sepp è un uomo di 79 anni che, da se stesso, non può pretendere le prestazioni di un ventenne.

I guai sono iniziati lo scorso luglio con la retata di Zurigo e le prime indiscrezioni sull’operato della Fifa negli ultimi anni. Poi le indiscrezioni sono diventate accuse effettive, senza dimenticare che l’inchiesta è nelle mani dell’Fbi. Di recente, è poi arrivata la sospensione di 90 giorni per la vicenda dei due milioni pagati a Platini per una ancora non del tutto chiarita consulenza (sembra però doveroso dire che il comitato per l’appello che si è espresso pochi giorni fa confermando la sospensione non ha neppure voluto sentire la testimonianza di Platini, il diretto interessato). “Platini è un uomo onesto” ha ribadito Blatter nell’intervista, aggiungendo che, se vorrà, potrà tornare a essere di nuovo il presidente dell’Uefa, una volta terminata la sospensione. Dell’Uefa, non della Fifa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche