Blitz nella casa del sospetto pedofilo: il video degli Swat

Esteri

Blitz nella casa del sospetto pedofilo: il video degli Swat

Un vero e proprio blitz nella casa di un sospetto pedofilo, per coglierlo sul fatto e arrestarlo. E’ accaduto in Svezia dove gli agenti del team Swat – Special Weapons and Tactics hanno fatto irruzione nell’abitazione di un 58enne liberato recentemente dopo un lungo periodo in cura psichiatrica in seguito al rapimento di un bambino di 5 anni avvenuto nel 1998. A quanto pare l’uomo non aveva ‘perso il vizio’ ed era entrato in una banda, composta da sette persone, sospettata di divulgazione di materiale pedopornografico in rete.

Per questo gli uomini della squadra anticrimine specializzata in salvataggio di ostaggi, interventi antisommossa, operazioni anti-terrorismo e molto altro ha prima scavalcato la recinzione nel più completo silenzio per poi sfondare in pochi secondi a martellate le vetrate dell’abitazione nella quale il sospetto viveva e arrestarlo; nel Paese le forze speciali hanno l’autorizzazione per compiere questo tipo di irruzioni di emergenza, qualora si sospetti che in un’abitazione si stia consumando un crimine in flagranza o quando si corre il rischio che le prove del reato possano essere distrutte.

E’ stato immediatamente requisito il computer dell’uomo e sono scattate le indagini per capire se oltre alla diffusione delle immagini vi siano stati anche abusi fisici nei confronti dei bambini filmati. L’intera scena del blitz è stata ripresa dalle telecamere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche