Boko Haram minaccia i cristiani nigeriani: “Avete tre giorni per andare via”

Matrimonio

Boko Haram minaccia i cristiani nigeriani: “Avete tre giorni per andare via”

Dopo i sanguinosi attentati di Natale in Nigeria (foto, ndr), il gruppo terrorista islamico Boko Haram (” (“l’educazione occidentale è peccato”) minaccia ancora i cristiani. Questa volta nel Nord del Paese, a maggioranza islamica: “Avete tre giorni per andarvene altrimenti verrete uccisi”. Tale è il sunto del discorso che Abul Qaqa, un sedicente portavoce dell’organizzazione, ha rivolto ai cristiani nigeriani.

Qaqa ha anche parlato di aggressioni da parte dei cristiani ai danni della minoranza musulmana del Sud. Pertanto ha invitato quest’ultima a raggiungere i loro confratelli al Nord, “perchè abbiamo le prove che saranno attaccati” dai cristiani.

Il neoeletto presidente Goodluck Jonathan ( cristiano, succeduto ad un presidente musulmano) ha dichiarato lo stato di emergenza e ora truppe e carri armati pattugliano a Maiduguri, capoluogo di Borno e roccaforte di Boko Haram. Nella città di Dumaturu, capoluogo di Yobe, sono schierati almeno 10 mila militari, altri 7 mila sono stati dislocati nella città settentrionale di Kano, mentre a Jos (capoluogo dello stato di Plateau) è in vigore il coprifuoco. Chiuse le frontiere tra Niger, Ciad, Camerun e Borno.

C’è ora il rischio che Boko Haram sfrutti a proprio vantaggio il malcontento popolare per i recenti tagli ai sussidi statali alla benzina ( tagli che hanno portato ad un’impennata del prezzo del carburante alle pompe di benzina nel più popoloso paese africano dai 65 naira, che equivalgono a 0.40 dollari al litro, a 140 naira. Anche il mercato nero è stato toccato dalla nuova legge, passando dai 100 ai 200 naira al litro). Molti giovani sono scesi in strada per protestare contro il provvedimento governativo.

Il gruppo estremista islamico sta già cavalcando lo scontento dell’arretrato Nord, che si sente “dimenticato” da Abuja, le angherie della polizia, tenuta d’occhio da Amnesty International, e lo scontento per la vittoria di un presidente cristiano. Come per ogni movimento islamico, per Boko Haram “l’islam è la soluzione” a tutto ciò. E proprio in base all’islam è prevista la “soluzione finale” al “problema” dei cristiani in Nigeria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...