Bologna, rapine con coltelli e spray urticante, due arresti COMMENTA  

Bologna, rapine con coltelli e spray urticante, due arresti COMMENTA  

BOLOGNA, 19 marzo – Gli uomini della Squadra Mobile, a conclusione di un’indagine lampo, hanno identificato e sottoposto a fermo di polizia giudiziaria due cittadini nordafricani nati rispettivamente in Marocco nel 1985 ed in Tunisia nel 1983, pluripregiudicati ed affetti da grave tossicodipendenza, alla continua ricerca di denaro per acquistare cocaina per cui si sono resi responsabili di ben nove rapine consumate nell’arco di una sola settimana.


La coppia, in otto giorni ed in orari notturni, è stata autrice di rapine ai danni di nove ragazzi di età compresa fra i 20 e i 30 anni. Le aggressioni sono avvenute  in strade isolate, poco illuminate e sempre con lo stesso modo di operare: uno dei due li sorprendeva alle spalle puntando un coltello alla gola mentre l’altro si parava davanti spruzzando dello spray urticante sugli occhi.   I due rapinatori sono così riusciti ad impossessarsi dei telefoni cellulari e dei portafogli delle vittime provocando ad una di queste la rottura di una costola ed ad un’altra una lesione corneale, causata dallo spray urticante.


Gli agenti sono riusciti a recuperare un fotogramma estrapolato da un sistema di videosorveglianza istallato in una via dove si è  consumata una delle rapine e grazie alle descrizioni fisiche fornite dalle vittime hanno pattugliato  il territorio fino a quando sono riusciti a sorprendere i due malviventi in possesso di una bomboletta spray “al peperoncino” e di due coltelli “a serramanico”.  All’interno dell’appartamento dei rapinatori la polizia ha rinvenuto telefoni cellulari e computer portatili, refurtiva delle attività illecite messe in atto nonché 15.000 euro in contanti.

I due fermi sono stati convalidati e gli agenti hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Alessandra Massagrande

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*