Bomba alla maratona di Boston. Dzhokhar Tsarnaev dichiarato colpevole COMMENTA  

Bomba alla maratona di Boston. Dzhokhar Tsarnaev dichiarato colpevole COMMENTA  

Dzhokhar Tsarnaev
Dzhokhar Tsarnaev

Era il 14 Aprile del 2013 quando una bomba fu fatta esplodere alla maratona di Boston. Tre persone persero la vita mentre più di 250 rimasero ferite, ad alcuni di esse furono amputate braccia o gambe.


A due anni di distanza, Dzhokhar Tsarnaev è stato dichiarato colpevole dei 30 capi di imputazione, tredici dei quali prevedono la pena capitale. E’ logico aspettarsi la pena di morte per il ragazzo 19 enne ceceno, la giuria dovrebbe decidere nelle prossime 24 ore.


Gli avvocati difensori di Dzhokhar Tsarnaev credono di poter salvare il loro difensore ottenendo l’ergastolo. La loro strategia è molto chiara: vogliono dimostrare che il 19 enne era succube del fratello Tamerlan riconosciuto dalle forze dell’ordine come la vera mente dell’attentato. Tamerlan fu ucciso dalla polizia quattro giorni dopo l’attento.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*