Presepe fai da te: consigli

Guide

Presepe fai da te: consigli

PRESEPE.
PRESEPE.

A quale periodo risale il presepe? Cosa significa la parola “presepe”? Scopriamo insieme come allestire un presepe fai da te.

Presepe” è una parola latina che significa “luogo recintato” ed è il termine per definire la rappresentazione della nascita di Gesù Cristo nella mangiatoia, circondato da Giuseppe e maria, il bue e l’asinello, i pastori e i Re Magi. La scena della nascita di Gesù è chiamata anche “Natività“. La rappresentazione della nascita di Gesù ha origini antichissime e la troviamo già nelle vecchie catacombe dove i primi Cristiani si nascondevano per scappare alle persecuzioni da parte degli imperatori romani politeisti. Il presepe è di tradizione cristiana, ma soprattutto italiana.

Inizialmente la Natività era rappresentata solo attraverso la raffigurazione bidimensionale, cioè nella pittura e fu soltanto durante il XIII secolo che la scena fu rappresentata tridimensionalmente. Fu infatti nel 1223 che San Francesco d’Assisi creò il primo presepe presso Greccio dopo essere stato autorizzata dal papa Onorio III.

L’idea del presepio venne a San Francesco dopo aver visitato la Palestina ed essere stato colpito dalla città di Betlemme, luogo di nascita di Gesù. Il presepe fu un grande evento per il tempo e fu narrato da vari cronisti, tra cui Tommaso da Celano che fu anche cronista della vita del santo e che raccontò l’evento nella “Legenda Secunda“.

Ecco come preparare in casa il presepe:

  1. Per prima cosa trovate uno spazio rettangolare, può essere lo scomparto di un mobile oppure un tavolo per creare la scena.
  2. Ricoprite la base con del muschio finto o con una carta marrone che possa rappresentare una strada sabbiosa e terrosa.
  3. Preparate il cielo con una carta blu stellata e aggiungete degli angioletti.
  4. Preparate la capanna, può essere comprata già fatta oppure potete costruirla con la carta da pacchi marrone unita alla colla vinilica per creare l’effetto “accartocciato” della roccia.
  5. A questo punto mettete al centro della grotta la mangiatoia che farà da culla a Gesù, e ai lati Maria e Giuseppe.

    Dietro ai personaggi mettete il bue e l’asinello.

  6. Fuori sulla strada create le montagne con la carta da pacchi e la colla vinilica e aggiungete in prospettiva tutti i pastori, le pecorelle, animali e personaggi popolani.
  7. Aggiungete le stella cometa e l’Arcangelo Gabriele per rendere la scena perfetta.
  8. A questo punto ricordate che Gesù va inserito nella mangiatoia il 25 dicembre e i Re Magi il giorno dell’Epifania.


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*