“Bossetti non ha mai sentito la moglie nei giorni dell’omicidio di Yara”

News

“Bossetti non ha mai sentito la moglie nei giorni dell’omicidio di Yara”

Il muratore accusato dell’omicidio di Yara Gambirasio, ora dovrà spiegare questa “stranezza” emersa dai tabulati telefonici: tra il 21 eil 28 novembre 2010 non ha mai sentito la moglie né con telefonate né sms. Massimo Giuseppe Bossetti, presunto colpevole dell’omicidio a Brembate Sopra di Yara Gambirasio (scomparsa il 26 novembre e ritrovata senza vita tre mesi dopo) e la moglie Marita Comi non avrebbero avuto contatti telefonici tra il 21 e il 28 novembre 2010.

A ricostruire questa “stranezza”, emersa dall’analisi dei tabulati telefonici del presunto assassino della 13enne di Brembate, è il settimanale “Giallo”. Bossetti, tra il 21 e il 28 novembre 2010, non avrebbe avuto contatti con la moglie Marita Comi né tramite sms né telefonate. Il settimanale scrive che il muratore di Mapello, in carcere dal 16 giugno dello scorso anno, con l’accusa dell’omicidio di Yara dovrà dunque spiegare, nel processo che si terrà il 3 Luglio prossimo, il perché di questo silenzio con la moglie.

“Nel corso degli interrogatori – Bossetti ha parlato dei rapporti con la moglie, definendoli inizialmente idilliaci e poi giustificando i periodi in cui non erano stati rivelati contatti con alcuni litigi.

L’importanza di ricostruire i rapporti con la moglie risiede nella necessità di reperire tracce di situazioni legate al rapporto di coppia in grado di spiegare il movente latente del delitto”. Queste le parole del settimanale.

C’è poi anche un altro mistero che riguarda il cellulare della vittima: sul telefonino di Yara è stata ritrovata una rubrica “segreta” con circa 75 contatti salvati, successivamente la polizia ha scoperto che la posizione n. 31 dei contatti era stata cancellata. È stato quindi l’assassino a cancellare quel numero dal cellulare di Yara? Questi i dubbi degli investigatori e della moglie Marita Comi che in passato ha chiesto a suo marito in carcere se avesse avuto in rubrica il contatto della giovane. Ma lui ha sempre negato.

1 Commento su “Bossetti non ha mai sentito la moglie nei giorni dell’omicidio di Yara”

  1. Bah. L'assassino dunque sapeva che esisteva una rubrica "segreta" e che c'era il suo numero, ha scoperto come accedervi, ha cancellato quel numero (senza lasciare impronte e dopo aver ucciso Yara) e poi ha fatto ritrovare il cellulare. BAh.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche