Bosso-Marsico-Minetto, finalmente … e ancora insieme COMMENTA  

Bosso-Marsico-Minetto, finalmente … e ancora insieme COMMENTA  

 

 

 

 

Maison musique, Via Rosta, 23 Rivoli (TO) Giovedi 19 gennaio 2012 – ore 22

Tel. 011.9561782

Ingresso: 15 euro

INFO: www.maisonmusique.it

 

Fabrizio Bosso è ormai universalmente considerato come una delle migliori trombe europee in ambito jazz. E’ quindi con grande piacere che Maison Musique lo riaccoglie per presentare un nuovo progetto, intrapreso con due eccezionali strumentisti, Alberto Marsico all’Hammond e Allessandro Minetto alla batteria, dedicato alla musica afroamericana delle origini. Let’s make a joyful noise unto the Lord! Diceva Mahalia Jackson ed è proprio questo il motto che anima Spiritual, il cd che il trio presenta in anteprima a Maison Musique. E così, sospesi tra leggerezza spirituale e solida e potente sensualità terrena, i tre giovani maestri piemontesi del jazz scatenano un gioioso e ben controllato frastuono, in cerca di alte vette spirituali mentre swingano con la più rocciosa e carnale eloquenza.


Fabrizio Bosso ha iniziato a suonare la tromba a 5 anni e a 15 era già diplomato al conservatorio G. Verdi di Torino. Non tralasciando l’interesse per la musica classica, si è accostato al jazz, un richiamo forte, suadente, a cui non ha saputo resistere. Tecnicamente impeccabile, ciò che più colpisce in Fabrizio è la creazione di una grafia personale, in cui il colore e la dinamica del suono non sono mai scontati, il senso dello swing è spinto agli eccessi, la tensione creativa è costante anche nell’interpretazione di standard. Negli anni ha prestato il suo sound inconfondibile a George Russell, Mike Gibbs, Kenny Wheeler, Dave Liebman, Carla Bley, Steve Coleman, Charlie Haden. Nel 1999 è votato “Miglior Nuovo Talento” del jazz italiano dalla rivista Musica Jazz, collabora stabilmente con Enrico Pieranunzi. Nel 2007 il suo esordio da leader per una casa discografica importante, la Blue Note/Emi Italia, con You’ve Changed, realizzato con il suo quartetto stabile e un’orchestra di tredici archi, con ospiti Diane Reeves e Sergio Cammariere.


Alberto Marsico è il miglior virtuoso dell’organo Hammond oggi attivo in Italia. Ha suonato con grandi nomi del panorama internazionale, la sua attività concertistica si svolge prevalentemente in Europa, ma si è anche esibito e ha inciso in Australia, Russia, Indonesia e USA. Ha collaborato con Kenny Burrell, Jimmy Cobb, Joey DeFrancesco, Bobby Durham, Enrico Rava, in campo jazz e con Alex Schultz, Larry Taylor, Ollie Nightingale, Sonny Rhodes e Sugar Ray Norcia in campo blues. Con il trio Scenario (completato da Simone Santini ed Enzo Zirilli) ha registrato due straordinari cd dedicati alle composizioni dei Beatles, rilette con arrangiamenti (molti dei quali di suo pugno) originali e spiazzanti. Nel 2008 è stato invitato a partecipare alla trasmissione Superquark in qualità di massimo esperto italiano dell’organo Hammond.


Alessandro Minetto è uno dei batteristi rampanti del nuovo jazz italiano. Dal ’94 a oggi, si è esibito in tutta Europa, Brasile, VietNam, Etiopia, e in numerosi festival tra i quali il London Jazz Festival, Il Jvc Festival di Torino, Ha-Noi European Jazz, Eurojazzfestival, e in numerosi club europei di prestigio, tra i quali il mitico Ronnie Scott’s di Londra.

L'articolo prosegue subito dopo

Ha collaborato con molti musicisti di fama internazionale tra cui Lee Konitz, Ronnie Matheus, Bud Shank, Benny Golson, Steve Grossman, Michelle Hendrix, Bruce Forman, Larry Shneider, Rob Sudduth, Terrell Stafford.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*