Braccianti in nero in provincia di Brindisi

Bari

Braccianti in nero in provincia di Brindisi

Il 2012 sembra aprirsi con un grande incremento dei controlli fiscali da parte della guardia di Finanza. Probabilmente anche l’urgenza di risollevare la crisi italiana che negli ultimi mesi sta attanagliando le famiglie, richiama a maggiori blitz dei militari.

Nella giornata di ieri le fiamme gialle di Francavilla Fontana hanno scoperto una ditta agricola di Erchie, specializzata nell’ambito della coltivazione, che però reclutava irregolarmente circa 70 braccianti.

Inoltre la stessa azienda agricola tra il 2007 e il 2009 non ha dichiarato un reddito per oltre 30 mila euro evadendo l’Iva per oltre 70 mila euro e come se non bastasse il titolare era debitore verso l’Inps di circa 3 milioni e mezzo di euro di contributi previdenziali.

E’ stato denunciato per occultamento o distruzione di scritture contabili, falsità materiale commessa da privato e truffa ai danni dello Stato.

L’aumento di controlli in diverse realtà professionali che si stanno svolgendo a tappeto soprattutto nel territorio pugliese non devono limitarsi ad un determinato periodo magari perchè l’ansia della crisi lo richiese.

Occorre creare un sistema più solido di controllo per evitare che si evadi sempre meno.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*