Brad Pitt distrutto chiede aiuto al padre di Angelina, Jon Voight COMMENTA  

Brad Pitt distrutto chiede aiuto al padre di Angelina, Jon Voight COMMENTA  

Un momento davvero difficile, quello che sta attraversando Brad Pitt, il quale sta cercando aiuto nel padre di Angelina Jolie, Jon Voight, nella speranza che l’attrice faccia marcia indietro e annulli la richiesta di divorzio avanzata pochi giorni fa. L’attore, distrutto, ha provato a mettersi in contatto con il suocero per chiedergli di fare da mediatore ed intervenire, nella speranza che si riesca a trovare una soluzione. Il padre di Angelina dovrebbe cioè contattare la figlia per chiederle di provare a riavvicinarsi a Brad, o per lo meno di fargli vedere i figli, dai quali è lontano ormai da diversi giorni: Voight dovrebbe dunque fare da mediatore, in questa situazione delicata. Sembra che Brad Pitt abbia addirittura dato la sua disponibilità a sottoporsi alla macchina della verità, così da svelare al 100% di non aver mai fatto del male ai figli e di non aver tradito la moglie. Al momento però la Jolie non sembra assolutamente intenzionata a fare marcia indietro, rimanendo ferma sulle sue posizioni e sulla volontà di arrivare al più presto al divorzio.


Nel frattempo la Cotillard è intervenuta per mettere a tacere le voci che la vedrebbero protagonista di un flirt proprio con Brad Pitt: “Non parlo mai della mia vita privata – ha spiegato – ma l’accanimento della stampa rosa, l’idiozia venale di certe persone che si fanno chiamare giornalisti, l’odio di alcuni internauti che si sentono più forti dietro una tastiera, mi spingono comunque a esprimere l’orgoglio, l’amore, il rispetto e l’ammirazione che provo per Marion, che resta così forte e intelligente di fronte a tutte le accuse idiote e infondate.

Penso che tutti noi viviamo cose ben più importanti in questo momento e che ora sarebbe tempo di passare ad altro e di alzare un po’ il livello.

E come dice bene Marion, vi auguro di stare meglio e di aspirare ad altro nella vostra vita che a spandere m****”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*