Brexit conseguenze economiche per gli italiani COMMENTA  

Brexit conseguenze economiche per gli italiani COMMENTA  

conseguenze economiche per gli italiani

Ad uscire dall’Unione Europea è il Regno Unito, ma a rimetterci non sono solo gli inglesi. Ecco le conseguenze economiche per gli italiani.

L’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea ha fatto si che la Brexit avesse conseguenze economiche per gli italiani e, soprattutto, per le banche. L’uscita infatti dal sistema Europeo ha fatto crollare praticamente tutte le banche italiane in borsa, con picchi di perdite tra il 10 e il 20%.

Tra le conseguenze economiche per gli italiani (ma non solo), ci sarebbe anche la possibilità di un’uscita anche di altri paesi dall’unione monetaria, così da dare inizio ad un’uscita con effetto domino anche degli altri Stati.

Leggi anche: Obama, il mondo vuole un’Europa unita

L’Italia potrebbe trovarsi ad affrontare un grande problema che porta la sigla di NPL, ossia il Non Performin Loan, crediti in sofferenza che potrebbero non essere più rimborsati per colpa della crisi.

Leggi anche: Brexit: Corbyn, noi decisivi per restare. Capo laburista in campo per referendum, stranieri non sono nemici

Tra le conseguenze economiche per gli italiani figurerebbe anche un aumento per la penisola dei punti di spread rispetto a quello tedesco.
Come gli altri paesi dell’Unione Europea, anche l’Italia dovrebbe rivedere i proprio rapporti di scambi commerciali con il Regno Unito. Il mercato dell’abbigliamento e delle automobili potrebbe subire grosse perdite in seguito all’esito del referendum sulla Brexit. Lo stesso si potrebbe dire anche per noi in quanto importazioni, considerando che dal Regno Unito acquistiamo farmaci, tecnologie e alcolici.

Londra dovrebbe quindi tentare una negoziazione con Bruxelles per poter mantenere gli accordi di libero scambio con gli altri membri dell’Unione Europea.
Si devono anche considerare le conseguenze economiche per gli italiani nel Regno Unito, circa 600 mila, molti dei quali rischierebbero di tornare in patria per la perdita del posto di lavoro. Per tutti coloro che invece decidessero di rimanere nel Regno Unito, probabilmente sarà necessario richiedere il permesso di soggiorno.

L'articolo prosegue subito dopo

Gli studenti italiani nel Regno Unito potrebbero anche trovarsi davanti al problema di non poter più pagare le tasse in maniera identica a quella dei residenti inglesi anzi, potrebbero triplicare, oltre a rischiare di non avere più le borse di studio e l’assistenza sanitaria gratuita.
Il visto sarebbe da richiedersi anche per motivi di lavoro nel caso in cui non si risultasse residenti. Per gli italiani che vivono e lavorano in Gran Bretagna da almeno 5 anni, sarà possibile richiedere la cittadinanza.

Leggi anche

Terremoto Emilia Romagna
News

Terremoto Emilia Romagna: M 4.0 stamani, gli aggiornamenti

Una ulteriore scossa di terremoto magnitudo 4.0 è stata avvertita in Emilia Romagna poco fa, questa mattina alle 08:21 . Ieri sera un terremoto M 3.7 è stato avvertito proprio in provincia di Teramo, un terremoto con epicentro a Villa Castellana, e con ipocentro profondo 18 km. E poi questa notte, un terremoto in Emilia Romagna con epicentro a Villa Minozzo, Reggio Emilia, e un ipocentro ad 8 km. Questa notte già all'una e dieci una scossa  M 3.1 con epicentro a Fiordimonte, in provincia di Macerata, con ipocentro a 9 km. Terremoto anche questa mattina, in  Emilia Romagna alle Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*