Brindisi: ordigno esplode davanti alla scuola Morvillo Falcone, morta una studentessa, gravissima una seconda

Bari

Brindisi: ordigno esplode davanti alla scuola Morvillo Falcone, morta una studentessa, gravissima una seconda

20120519-091945.jpg

Brindisi – Questa mattina, intorno alle 8, sono esplosi due ordigni davanti la scuola Morvillo Falcone di Brindisi. Una studentessa è morta. Si tratta di Melissa Bassi, 16 anni. Sono otto gli studenti feriti. Tra questi c’è Veronica Capodieci, le sue condizioni sono disperate. L’ordigno, composto da due bombole del gas, è esploso all’interno di un cassonetto ed è esploso al momento del passaggio di un gruppo di studenti. Il cassonetto sarebbe stato spostato dalla sua posizione solita proprio in funzione dell’attentato. La zona è stata sgomberata dalle forze dell’ordine e transennata. Oggi, da Brindisi, sarebbe partita la “Carovana della Legalità” e tra le ipotesi c’è quella dell’attentato di matrice mafiosa anche perché la scuola colpita è intitolata alla moglie del giudice Falcone. Si tratta, comunque, di una delle tante ipotesi perché, al momento, non ci sono elementi che possano far propendere per la pista mafiosa. Non si esclude che possa trattarsi del gesto isolato di un folle, anche in funzione della potenza degli ordigni.

Fioroni (Pd) – Sono sconvolto e profondamente addolorato.

Qualunque sia la matrice dell’attentato neanche negli anni più bui di questo paese se la sarebbero presa con dei ragazzi.

Mimmo Consales, sindaco di Brindisi – Una grande tragedia, l’ordigno è stato collocato in un cassonetto per la raccolta della carta. Un attentato che avviene a pochi giorni dal ventennale della morte di Falcone e nel giorno in cui parte la carovana della legalità. Ci troviamo di fronte a un attacco della criminalità organizzata senza precedenti.

Don Ciotti, Libera – Non so se si possa trattare di un attentato di matrice mafiosa, attendiamo l’esito delle indagini. Quella scuola porta un nome importante e questo ci deve far riflettere.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*