Bruno Arena Fuori dal Coma ma Non Fuori Pericolo COMMENTA  

Bruno Arena Fuori dal Coma ma Non Fuori Pericolo COMMENTA  

La Ridens Management, che per conto della famiglia dirama i comunicati stampa sullo stato di salute del comico, informa che Arena è uscito dal coma, ma la prognosi rimane riservata.

Leggi anche: Germania, Baviera: incidente ferroviario, alcuni morti nello scontro tra treni


Ci sono, però, segnali di miglioramento: ha aperto gli occhi, mosso le braccia ed una gamba.

La Riders Managments fa sapere: “Queste reazioni in seguito agli stimoli legati alla terapia sono certamente un ulteriore buon segnale verso la guarigione ma fino a quando il risveglio non sarà completo i medici non potranno capire con esattezza la situazione clinica e sciogliere la prognosi”.

Il collega e amico fraterno Max Cavallari su Facebook ha gioito: “Non è più in coma vigile, aspettiamo.

Leggi anche: Morto Johan Cruijff, aveva 68 anni

Sta facendo riabilitazione, anche se queste cose sono lunghe e lui è forte, vuole tornare presto a farci ridere… Le vostre preghiere hanno portato piccoli miglioramenti, avete visto? Adesso io applaudo voi, grazie”.

Leggi anche

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum
Attualità

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum

Nel cuore della notte Maria Elena Boschi scoppia a piangere. E piange per l'esito del referendum costituzionale. Maria Elena Boschi (Montevarchi, 24 gennaio 1981) è una politica italiana, il Ministro senza portafoglio per le Riforme Costituzionali e i Rapporti con il Parlamento con delega all'attuazione del Programma di Governo nel Governo Renzi dal 22 febbraio 2014. Due lacrime scivolano sulle sue guance rosa facendo colare anche un po’ di rimmel. Piange in un comprensibile miscuglio di rabbia e delusione. Ecco, l’incredulità. Appena due anni fa, negli indici di gradimento, Maria Elena Boschi era il ministro più popolare del Paese: la madrina di ogni riforma compresa quella più importante, quella della Costituzione, e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*